Spettacolo alla Marciaverde di Aggio: exploit di Paolo Piano ed Emma Quaglia - Genova 24
111 partecipanti

Spettacolo alla Marciaverde di Aggio: exploit di Paolo Piano ed Emma Quaglia

Piano conquista due primi posti in due giorni, mentre Quaglia si conferma leader in Liguria. Nella gara breve vittoria per Andrea Bergonzi

Varie Sport

Edizione 2018 per la Marciaverde di Aggio, che non delude e offre ancora una volta tracciati di alta qualità unita ad un’organizzazione sempre ai massimi livelli. Due gare e ben 111 partecipanti divisi fra il trail di 23 km e la marcia di di 9 km. Molti i podisti presenti che hanno deciso di cimentarsi nei percorsi outdoor abbandonando per un giorno l’asfalto. 

Grande performance di Paolo Piano nella 23 km che reduce dalla vittoria del giorno prima nel Giro del Monte Reale, fa doppietta centrando il gradino più alto del podio anche ad Aggio, con il tempo di 2h18’24”. Ancora una volta la Delta Spedizioni mostra di avere atleti in grande spolvero visto che oltre al vincitore, piazza altri tre corridori nei primi dieci. Si tratta di Marco Molinari che si ferma al quarto posto, seguito da Diego Gazzo e Matteo Zanoni.

Ma non c’è solo da celebrare la grande gara di Piano, anche perché al via c’era Emma Quaglia, la regina del podismo ligure, che “per sfizio” si aggiudica il secondo posto, vincendo la gara femminile. In gara sotto le “mentite spoglie” dell’Ovadese Trail Team per l’occasione, cede di poco meno di 4’ a Piano, ma rifile circa 11’ ad Andrea Beoldo che è terzo con i colori della Sisport.

Proprio la Sisport è, insieme alla Delta Spedizioni, la società meglio rappresentata, visto che trova una bella triple. Infatti oltre a Beoldo terzo assoluto, Simona Gambaro con la settima posizione è seconda nella genreale femminile che vede anche Monica Durso al terzo posto grazie alla dodicesima piazza assoluta conquistata. I frizzanti colori della Sisport poi riempiono anche la top ten con l’ottavo posto di Andrea Vergassola e il decimo di Francesco Ferrari. Nona posizione per Augusto Zamboni che rappresentava l’Amron.

Poco dopo il gruppo dei partecipanti al trail (34 i partecipanti), è scattata la Marcia, gara sul tradizionale fondo asfaltato sui 9 km. Qui c’è stato un arrivo thrilling perché Diego Scabbio, a lungo dominatore, incredibilmente sbaglia strada, perde minuti preziosi e allora come in un gran premio di Formula Uno, Andrea Bergonzi approfitta del “pit – stop” del novese per passare e scavare il solco di di poco più di 5’ che gli consente di vincere la gara. Terza piazza per Lorenzo Conterno che ha sfidato Scabbio per l’argento, ma al fotofinish cede di un solo secondo. 

Quarta posizione per Mirco Pensiero che precede l’ottima Valentina Martorella, la quale chiude in 55’ netti dando prova di grande forma fisica e aggiudicandosi la corsa femminile. Dietro di lei Matteo Canova, (1’07” di ritardo per lui), che a sua volta precede Paolo Quarantelli e Fabrizio Corradini che hanno lottato in volata per il settimo posto. Nona posizione per Alessio Fimetti, l’ultimo a restare sotto l’ora di gara, che invece “sfonda” Paolo Cappelin con la decima posizione raggiunta in 1h17’. Al femminile con la super gara della Martorella, si sono sfidate in due per il secondo posto che alla fine hanno conquistato pari merito Paola Rossi e Marika Gili arrivate in simultanea in 1h08’32”.