Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Nervi, al torneo di waterpolo sabato gioca la squadra ‘Boia chi molla’: poi gli organizzatori cambiano il nome

I Resistenti di piazza Pittaluga condannano la "superficialità del patrocinio di Comune e Municipio e invitano a partecipare al corteo del 30 giugno"

Più informazioni su

Genova. Con il patrocinio del Comune di Genova, del municipio Levante e della fondazione De Andrè questo fine settimana ai Bagni Medusa di Nervi si svolgerà un torneo di waterpolo i cui proventi saranno devoluti al Gaslini.

Fin qui tutto bene, ma a leggere la locandina si nota come una delle squadre che giocherà sabato 30 giugno, proprio in contemporanea con il corteo antifascista che in centro ricorderà i fatti del 1960, porta un nume inquietante e poco interpretabile: “Boia chi molla”.
Certo, gli altri nomi sono piuttosto goliardici: “Tavernello”, “Alcolisti anonimi” e via dicendo, ma con certe reminiscenze è difficile scherzare.

L’evento non è sfuggito ai Resistenti di Piazza Pittaluga, l’associazione antifascista nata lo scorso novembre dopo che proprio nel municipio Levante era stato ospitato il mega convegno di Casapound, con 400 militanti arrivati da tutta Italia.

“Come Associazione Resistenti di Piazza Pittaluga condanniamo totalmente la superficialità con cui è stata accettata e patrocinata una manifestazione del genere sia dal Municipio Levante stesso sia dal Comune di Genova – scrivono i Resistenti in una nota – Non si può fraintendere il significato di tale locuzione che con troppa chiarezza riporta a memorie fasciste e di regime che in questo ultimo periodo stanno prepotentemente occupando gli ambiti politici e amministrativi della nostra città”.

Anche per questo motivo, i Resistenti invitano i genovesi a partecipare al corteo antifascista che dalla stazione marittima sabato pomeriggio arriverà in piazza de Ferrari: “È anche per situazioni come questa che sabato sarà importantissimo dimostrare il nostro antifascismo partecipando numerosi al corteo”.

Dopo qualche ora di polemica però il tutto sembra risolversi:come dimostra l’ultima condivisione del torneo da parte del municipio Levante gli organizzatori – che sarebbero quasi tutti giovanissimi – hanno deciso di cambiare il nome alla squadra: scomparso “Boia chi molla” sostituito da “Nervi 72”