Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Liguria Pride 2018, l’Allerta Rainbow colora De Ferrari. Oltre 5 mila presenti “offensivi e divisivi” fotogallery

Il corteo ha "invaso" le vie della città, partendo da Principe e "ingrossandosi" cammin facendo

Genova. Il corteo del Liguria Pride ha “invaso” le strade di Genova, portando in città l’Allerta Rainbow. Sotto un caldissimo sole di una giornata praticamente estiva, in tanti, circa 4000 mila persone, si sono radunati alle 15 davanti alla Comunità di San Benedetto, in tributo a Don Andrea Gallo, a cui la manifestazione è dedicata.

Tanti gli slogan, gli allestimenti scenici e i colori dei partecipanti. Verso le 16,30 il corteo ha iniziato a muoversi: il tragitto pensato dagli organizzatori prevede via Balbi, piazza della Nunziata, Corvetto e via Serra per poi proseguire in via XX Settembre e concludersi in piazza De Ferrari. In serata festa al Banano Tsunami, al porto antico.

In testa al corteo lo striscione del Liguria Pride e dell’Allerta Rainbow, con la madrina Cecilia Strada. Dietro i carri e tanti manifesti: molti di questi “canzonano” il sindaco di Genova Marco Bucci, che per la prima volta ha deciso di non concedere il patrocinio alla manifestazione.

Alle 19 la testa del corteo, che nel frattempo si è ingrossato di nuovi arrivi, è arrivata a De Ferrari: la festa dei 5000 mila, quindi, ha colorato la piazza simbolo di Genova. “Offensivi e Divisivi” è stato lo slogan più presente della giornata, richiamando alle “motivazioni” riportate dal sindaco per togliere il patrocinio. Oggi in piazza, si è visto di tutto, tranne divisioni e offese.

(Foto courtesy of Simone D’Ambrosio – Dire)