Impianti sportivi, è allarme per 14 terreni di gioco: "Coperture sintetiche da sostituire" - Genova 24
Servono soldi

Impianti sportivi, è allarme per 14 terreni di gioco: “Coperture sintetiche da sostituire”

Entro l'anno sei impianti saranno sistemati. Polemica tra Villa e Ansalone

campo sintetico

Genova. Sono 14 gli impianti comunali “in difficoltà”: dopo gli ultimi interventi risalenti ai primi anni duemila, oggi sono molte le società sportive concessionarie che stanno presentando al Comune di Genova il conto per sostituire le coperture in sintetico.

Se n’è parlato questa mattina in una commissione consigliare dedicata, a cui erano presenti diversi rappresentati delle società in questione. Il messaggio portato alla amministrazione civica è stato chiaro: per molti impianti la situazione non è più sostenibile e deve essere fatto qualcosa al più presto.

Si parla di diversi interventi il cui costo non è stato ancora quantificato, ma è in fase di perizia. L’orientamento della giunta, il cui parere è stato espresso dall’assessore alla attività sportive Piciocchi, è quello di investire soldi pubblici per garantire la non chiusura degli impianti, ma anche quello di agevolare investimenti dei concessionari, in cambio di alleggerimenti fiscali o proroghe di contratto.

Sull’argomento ha chiesto chiarezza Paolo Putti, ricordando come la distinzione tra manutenzione ordinaria, a carico del concessionario, e manutenzione straordinaria, spesso a carico del Comune sia spesso troppo facilmente travisabile e interpretabile.

Entro l’anno, ha comunque rassicurato l’assessore, almeno 6 di questi impianti saranno rinnovati nella loro copertura. In una prossima commissione, chiesta da molti a breve giro, saranno specificate le priorità.

Spazio anche per la polemica: il consigliere Villa, Partito Democratico, ha ricorda come quella di questa mattina sia stata la prima vera volta che la nuova giunta “abbia parlato di sport”, sottolineando l’anomalia della delega agli eventi sportivi al consigliere di Forza Italia Stefano Anzalone, il quale ha risposto “Oggi è un anno che abbiamo vinto le elezioni, posso capire che alcuni mastichino ancora amaro”.

Un dibattito “divertente”, visto che nel precedente ciclo amministrativo Doria aveva optato per una medesimo assetto, con delega allo stesso Stefano Anzalone, all’epoca a sostegno della giunta del centro sinistra.