Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Esportazioni, Alce: dazi Usa penalizzano la Liguria

Nel 2017 le esportazioni dalla Liguria e le importazioni verso la nostra regione sono aumentate notevolmente (+8%; +15%)

Genova. La Liguria rappresenta ancora una quota marginale del commercio estero nazionale: nel 2017 sono state importate merci per 8,9 miliardi di euro (2,2% del totale importato) e esportate merci per 7,9 miliardi (1,8% del totale).

export

Questi i dati comunicati durante la presentazione della relazione annuale di Alce (l’Associazione ligure commercio estero). A livello nazionale, il commercio internazionale ha registrato un trend positivo (+ 4,7%). In generale, il commercio internazionale è cresciuto maggiormente nei Paesi in via di sviluppo (+5.7%) rispetto ai Paesi sviluppati (3.5%). L’Italia si colloca per esportazioni e importazioni rispettivamente al nono e decimo posto a livello mondiale.

Nel 2017 le esportazioni dalla Liguria e le importazioni verso la nostra regione sono aumentate notevolmente (+8%; +15%) con un
trend superiore anche a quello medio nazionale (+7%; +9%). L’aumento delle esportazioni dalla Liguria è stato in linea con quello registrato nel Nord Ovest. In particolare, escludendo le cosiddette componenti volatili (commesse navali e prodotti petroliferi raffinati), l’aumento delle esportazioni, tra il 2016 e il 2017, ha raggiunto il 15%.

A livello geografico, il 43% delle importazioni e il 47% delle esportazioni liguri ha come partner un Paese europeo. Le restanti importazioni provengono per il 27% da Paesi asiatici, per il 16% dall’Africa e per il 13% dall’America. Le esportazioni extra-europee sono invece indirizzate verso Asia (22%), America (17%) e Africa (11%). Inoltre la Liguria importa prodotti prevalentemente da Spagna, Stati Uniti, Azerbaigian, Germania, Francia, Nigeria, Regno Unito, Cina, Giappone, Paesi Bassi. I primi tre partner commerciali per esportazioni sono invece Stati Uniti, Francia e Germania.

La politica statunitense di Donald Trump, con l’introduzione di restrizioni al commercio con gli Usa, rischiano di penalizzare fortemente i commerci liguri. In generale, nel 2017 gli Stati Uniti sono stati il primo partner commerciale della Liguria in termini di export.
Anche depurando i dati dalla cantieristica navale, gli Usa restano il terzo partner per esportazioni, preceduti da Francia e Germania. Nel 2017 la Liguria ha esportato merci verso gli Stati Uniti per 879 milioni di euro mentre le importazioni ammontavano a 771 milioni. Tra il 2016 e il 2017 le esportazioni verso gli Usa sono cresciute in modo significativo, anche grazie a un aumento nell’export connesso al settore navale.

Escludendo navi e imbarcazioni, in generale, l’export ligure verso gli Stati Uniti si compone prevalentemente di prodotti chimici (15%),
macchinari e apparecchiature (13%), e prodotti alimentari (7%). A livello di trend, in aggiunta al settore navale, in forte aumento le esportazioni di articoli in gomma (passato da 2,5 euro a 32,3 milioni di euro) e i prodotti connessi al metallo e gli autoveicoli/rimorchi. In aumento anche l’export di macchinari e di oli e grassi vegetali e animali.