Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

A due scuole dell’infanzia il primo premio del concorso della Cgil sul tema delle mense scolastiche

"Disegniamo insieme come è bello mangiare tutti insieme in mensa", il tema su cui si sono misurate (anche) la XVI Giugno dell'Istituto Comprendivo San Giovanni Battista e la Vita è bella dell'Istituto comprensivo Maddalena Bertani

Più informazioni su

Genova. Duecentocinquanta bambini di 25 scuole genovesi dell’infanzia hanno partecipato questa mattina alla premiazione del concorso “Disegniamo come è bello mangiare tutti insieme in mensa”. Dopo una visita alla mostra, allestita presso il Salone Governato della Camera del Lavoro di Genova in Via San Giovanni d’Acri a Cornigliano, si è svolta la premiazione presso l’ampia sala che l’adiacente Parrocchia di S. Ambrogio ha messo a disposizione per l’occasione.

Alle due scuole vincitrici ex equo, la XVI Giugno dell’istituto San Giovanni Battista e la Vita è bella dell’Istituto comprensivo Maddalena Bertani è andato un buono spesa in materiale didattico di 625 euro ciascuna. Materiale didattico è stato consegnato anche per il secondo e terzo posto e premi di partecipazione per tutte le altre scuole in gara.

“Accogliere in Cgil così tanti bambini è stata una scommessa che ci riempie di orgoglio – dicono dal sindacato – il concorso, partito a inizio marzo, è nato dalla necessità di coinvolgere tutte le parti interessate per affrontare il delicato tema della ristorazione scolastica su più aspetti a nostro avviso determinanti: la salute dei bambini, la condizione sempre più difficile delle lavoratrici e dei lavoratori in appalto (sempre più al ribasso) che cucinano e servono ogni giorno per i nostri figli, il ruolo educativo importantissimo, oggi messo pericolosamente in discussione dall’entrata del pasto domestico, il momento del pasto all’interno della didattica scolastica”.

“Abbiamo fatto un bellissimo percorso – si legge in una nota della Cgil – mentre la nostra attività sindacale più pura e concreta proseguiva, mentre il Comune di Genova indiceva una maxi gara, ancora in corso, per l’aggiudicazione del sevizio di ristorazione scolastica, mentre la scuola vive momenti difficili e sempre più precari”.