Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Via Borzoli, agente di polizia spara e uccide un giovane che ha accoltellato il collega fotogallery

La vittima è un ventenne ecuadoriano. Il poliziotto ferito è stato ricoverato in codice rosso

Genova. Un giovane ucciso e un agente ferito, ricoverato in codice rosso al San Martino di Genova. È questo il bilancio di un fatto di sangue che si è verificato questo pomeriggio in via Borzoli, nel ponente genovese.

poliziotto uccide ecuadoriano borzoli

La vittima è Jesus Tomalà Jefferson, 20 anni, ecuadoriano, ucciso da un agente di polizia intervenuto nella sua casa su richiesta della madre, forse al culmine di una lite.

La tragedia è accaduta in una abitazione in via Borzoli, al civico 6. Secondo una prima ricostruzione fornita dalla polizia, il ragazzo avrebbe estratto un coltello nel tentativo di aggredire l’agente e questi avrebbe reagito sparando.

A chiedere aiuto era stata chiamata dalla madre del ragazzo che stava dando in escandescenze, tanto da costringerla a barricarsi in una stanza. La donna ha chiamato il 118 che a sua volta ha chiesto l’ausilio della polizia.

Quando gli agenti sono arrivati sul posto il giovane era nella sua stanza, apparentemente più tranquillo e sdraiato sul letto. Quando uno degli agenti si è avvicinato però il 20enne ha estratto un coltello che teneva sotto il letto e lo ha colpito ferendolo al fianco. Il collega – che secondo una prima ricostruzione ha estratto la pistola e sparato alcuni colpi: uno di questi ha ucciso il 20enne e un altro avrebbe colpito di striscio il collega già ferito. Prima di estrarre la pistola il poliziotto avrebbe fatto uso dello spray urticante, ma senza esito.

Sul posto il sostituto procuratore Walter Cotugno e la scientifica oltre alle dirigente delle volanti Alessandra Bucci e al medico legale Marco Salvi.

poliziotto uccide ecuadoriano borzoli

Secondo le prime informazioni la donna, che ora viene sentita dagli investigatori della squadra mobile diretti da Marco Calì, aveva chiamano anche ieri i carabinieri che erano intervenuti nell’abitazione per calmare il ragazzo, definito “un giovane difficile”.

Il 20enne lavorava come elettricista. Era padre di un figlio, avuto dalla sua attuale compagna.