Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Al carcere di Marassi 120 detenuti oltre la capienza, la denuncia della Uilpa Polizia Penitenziaria

La Uilpa denuncia la mancanza di spazi nelle celle, inoltre a breve l'istituto non potrà più ricevere gli arrestati perché tutti i reparti sono saturi

Genova. Una capienza di 500 persone, una realtà di 720 detenuti. Fabio Pagani, segretario regionale della Uilpa Polizia Penitenziaria denuncia l’emergenza al carcere di Marassi: “Un sovraffollamento non solo nei numeri, ma penalizzato dalla presenza di circa l’80% di stranieri, praticamente ingestibili in determinati momenti”.

Pagani elogia “lo straordinario impegno della Polizia Penitenziaria, così come riconosciuto dallo stesso direttore del carcere”, che garantisce “dignità e vivibilità e ha impedito una deriva degradata e degradante di una struttura che appalesa tutti i segni del trentennio di attività”.

La Uilpa denuncia la mancanza di spazi nelle celle, inoltre a breve l’istituto non potrà più ricevere gli arrestati perché tutti i reparti sono saturi.

A preoccupare la Uil sono anche aspetti meramente operativi :”tutto questo nell’ipocrita e offensivo silenzio di quanti sono pronti a stracciarsi le vesti (per pochi secondi) nelle passerelle mediatiche e poi concorrono, di fatto, ad aggravare con legislazione sclerotica le condizioni di vita e di lavoro nelle carceri. Parimenti i saloni del ministero e del Dap non fanno altro, ben distanti dalle frontiere e dalle prime linee, che teorizzare e progettare utopiche soluzioni impraticabili che producono effetti devastanti. Una per tutte: l’apertura delle celle per tante ore al giorno non solo non ha impedito il calare dei suicidi, ma ha determinato l’esponenziale numero di aggressioni e di feriti”.

Pagani è duro: “Noi crediamo che l’Agente in sezione è lo Stato e rappresenta lo Stato. Possiamo affermare quindi che lo Stato nelle galere è preso a calci, pugni e schiaffi. Oggetto di sputi e getti di sangue infetto. Solo, abbandonato e ignorato. Nonostante questo i baschi blu continuano a salvare vite e a subire umiliazioni. Questa è la verità. La tragica, nuda e cruda verità”.