Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Vela, 222 MiniSolo: largo ai giovani foto

Matteo Sericano primeggia nella categoria Serie, Luca Rosetti vince tra i Proto

Genova. La premiazione presso il Marina di Genova ha chiuso la terza edizione della 222 MiniSolo.

Un’edizione che ha visto momenti dove il mare ha fatto sentire la sua voce, decretando ancora una volta il suo “essere colui che comanda”.

Facciamo un breve riepilogo. Partiti con vento di tramontana sui 15-20 nodi ha accompagnato le prime fasi della regata. Dopo alcune ore la situazione cambia verso un vento leggero ed incostante, che resterà pressoché invariato anche durante i passaggi alla boa Odas (boa posta al centro del Mar Ligure) avvenuti nella notte. La velocità aumenta leggermente, ma sempre per brevi periodi, nella giornata di domenica. Dopo il passaggio a Gallinara, la presenza della costa faceva sperare in qualcosa di diverso, ma il vento leggero e di bolina è rimasto la prerogativa anche nell’ultima fase della regata, fino all’arrivo del Libeccio nella prima parte della serata.

Nei Serie prende subito il comando Davide Lusso a bordo del suo Argo ViPeR, seguito dal giovane Matteo Sericano su Base Camp, che iniziano subito a distaccarsi dal resto della flotta. Parte quindi un match race interessante da seguire da terra, ma sicuramente teso per i due skipper. Davide Lusso passa primo assoluto su entrambi i passaggi, ma è dopo Gallinara che la situazione cambia e Matteo Sericano, che è sempre rimasto sulla sua scia, inizia a guadagnare vantaggio fino a superare Viper, mettendo quindi a frutto la sua esperienza sulle derive.

Si trovano sempre molto vicini fino all’arrivo a Genova ma sarà Matteo Sericano ad avere la meglio vincendo in categoria Serie. Secondo posto per Davide Lusso che ha condotto una bellissima regata e ha dichiarato di essere comunque soddisfatto. Al terzo posto nei Serie troviamo un altro nuovo volto della classe, Fabio Ronsivalle di Bea, che nonostante la sua prima esperienza in solitario, ha saputo ben gestire la regata guadagnando posizioni proprio in prossimità dell’arrivo.

Nei Proto Luca Rosetti (Arkè) soffre le raffiche della partenza, per un problema al bompresso, e perde vantaggio. Francesca Komatar (Corto Aeronautica Militare) conosce perfettamente le dinamiche delle ariette leggere e le usa a suo vantaggio fino a passare la boa Odas prima nei proto. Rosetti rientra in gara nelle prime ore di domenica guadagnando vantaggio.

Inizia così una risalita che lo vedrà primo tra i Proto al passaggio di Gallinara fino a tagliare il traguardo alle 22,05 di domenica 29 aprile, classificandosi primo di categoria. Medaglia d’argento per Markos Spyropoulos su Alisia che taglia la linea di arrivo alle ore 22,25.

Francesca Komatar a circa due miglia dall’arrivo, durante una straorza sotto raffica, rompe il timone. La barca diventa ingovernabile ma Francesca riesce ad accompagnare Corto fino ad una spiaggia di Voltri. La skipper scende a terra incolume.

Gli arrivi si sono susseguiti durante tutta la notte, con vento forte e mare formato, e sono stati ben coordinati e ben gestiti da tutto lo staff del CN Marina Genova Aeroporto in collaborazione con la Capitaneria di Porto e la Guardia di Finanza presenti in mare.

Sono stati ringraziati in modo particolare Alessio Romano, Andrea Pendibene, Giovanna Valsecchi ed il Capitano di Vascello Lamberto Orlando Lamberti (vicedirettore dell’Istituto Idrografico della Marina), che si sono prodigati, fino a notte fonda, ad aiutare il team di Francesca per mettere in sicurezza la barca e recuperare tutto il materiale a bordo.