Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Variabilità, su Genova e la Liguria sole e temporali si spartiscono il meteo previsioni

Ieri un violento temporale, anzi due, ha colpito il capoluogo ligure. Gli esperti di Limet ci spiegano com'è andata.

Più informazioni su

Genova. Continua la fase variabile con spunti instabili sulla nostra regione. Oggi, lunedì 7 maggio, avremo al mattino nubi sparse lato costa con ampi spazi soleggiati. Nelle zone interne locali addensamenti che risulteranno più consistenti sui versanti padani, in dissolvimento. Dalle ore centrali formazione di cumuli in Appennino, con possibili rovesci e locali temporali in parziale sconfinamento sui rispettivi tratti costieri, in particolare su quelli del settore centrale. Migliora ovunque in serata. Sono queste le previsioni per le prossime ore elaborate dagli esperti del centro meteo Limet.

Venti al mattino settentrionali localmente moderati. Si attenuano in giornata. Mare stirato sotto costa, localmente mosso al largo. Temperature senza variazioni significative. Saranno comprese sulla costa tra 15 e 25 gradi, nell’interno tra 8 e 21.

Domani, martedì 8 maggio, sempre schiarite al mattino con cielo quasi sereno lato costa e addensamenti nelle zone interne. Consueta attività cumuliforme in Appennino con rovesci e temporali a macchia di leopardo che tenderanno a sconfinare su locali tratti costieri. Venti deboli o moderati ancora da nord, Mare stirato o poco mosso. Temperature stazionarie.

Mercoledì 9 maggio, secondo i previsori di Limet, è possibile un ulteriore ncremento della nuvolosità e dell’instabilità.

Un esempio di instabilità del meteo lo abbiamo avuto ieri pomeriggio, su Genova, quando una corrente instabile da est in quota, con l’accumulo di calore nei bassi strati, ha determinato la nascita di un temporale chiamato in gergo tecnico “da sconfinamento appenninico”. Questi temporali hanno una genesi collocabile in prossimità del lago del Brugneto, dove la termica principale sale in quota. L’eccessiva forza della corrente orientale ha poi dirottato lo sviluppo del cumulonembo conseguente molto più ad ovest rispetto alla zona di genesi e la sua attivazione è stata proprio sulla città di Genova. Non si è trattato di un singolo temporale, bensì due: il primo sulla costa compresa tra Sampierdarena e Voltri, il secondo sulla valpolcevera.