Quantcast
Nerazzurri campioni

Il Varazze ringrazia Calissi e vola in Promozionerisultati

Il gol del giocatore del Bogliasco che ha permesso ai biancorossi di pareggiare con l'Isolese, consente ai varazzini di vincere il campionato anche senza vittoria con la Caperanese

Un finale di campionato più originale di questo forse sarebbe stato difficile da preventivare perché tutte e cinque le prime squadre della classifica hanno pareggiato, permettendo così al Varazze di aggiudicarsi il torneo e la conseguente Promozione. Contro la Caperanese i nerazzurri hanno resistito ai tentativi dei chiavaresi di piazzare la zampata, ma col passare dei minuti è stato chiaro che comunque la difesa varazzina poteva reggere, ma i verdiblù hanno tentato comunque di vincerla per il secondo posto.

Nel primo tempo la Caperanese spreca con Picasso da due passi di testa. Il Varazze risponde con Mori il quale solo davanti al portiere spara contro l’estremo difensore. Da Isola del Cantone arriva la notizia del gol del Bogliasco, e allora il Varazze prova a controllare, ma senza rinunciare a spingere e in apertura di secondo tempo Paini in volée manda fuori. Sole che picchia forte, e le occasioni scemano. Turcato calcia e il portiere respinge, ma nel frattempo l’Isolese ha pareggiato e il tempo scarseggia. Nessuno segna, la Caperanese si rassegna al terzo posto e il Varazze può festeggiare.

Gli incroci pericolosi dell’ultima, entusiasmante giornata, metteva di fronte anche l’Isolese con il Bogliasco in una partita che metteva in palio punti pesantissimi. Biancorossi che non possono perdere, i 5 punti dalla Caperanese non sono garanzia di partecipazione ai playoff. Biancoverdi che dall’altra parte devono vincere e sperare in un ko del Varazze (che non arriverà), ma che devono anche preservare il secondo posto.

Rizzo scalda subito le mani a Burlando. La risposta ospita è di Bajo che ci prova di precisione, ma il tiro è bloccato da Moscato. Il Bogliasco, però ha più spinta e gioca con qualcosa in più e al 44° Calissi lascia partire un bolide dalla zona destra dell’area isolese che Moscato non riesce a deviare. 

Nel secondo tempo l’Isolese inserisce Amirante, decisivo nelle utlime giornate quando è entrato a gara in corso. Ci prova subito Leto su punizione, solo potenza, poca precisione. Il pareggio arriva al 75° quando proprio Amirante viene pescato da Leto in area: deviazione volante da pochi passi e 1-1. Nel finale occasione clamorosa di Bettalli che non sfrutta appieno una deviazione sfortunata della difesa locale e spara alto da due metri, poi calcia da posizione defilata e la traversa gli nega il gol. Ora i biancorossi si giocheranno il passaggio alla finale contro la Caperanese.

Il rammarico più grande è, perà quello della Sampierdarenese che vede sfumare la possibilità di entrare negli spareggi promozione proprio negli ultimi 90’. Ai lupi biancorossoneri serviva una vittoria che, visto il pari del Bogliasco, avrebbe consentito di salire al quarto posto estromettendo i bogliaschini. Invece la gara casalinga contro il Via dell’Acciaio è passata dalla gioia incontenibile per il gol di Gesi al 70°, seguita dalla notizia del pareggio dell’Isolese, alla doccia ghiacciata che Tedesco fa quando al 90° infila Traverso e spegne i sogni dei lupi.

Con la corsa promozione definita, anche in coda non saranno necessarie le tre partite canoniche perché il Begato farà compagnia al Ravecca in Seconda categoria anche se il risultato di domenica contro il San Gottardo non avrebbe influito sull’esito ormai fatale per il Begato. Scatenatissimo Camarda che risponde al vantaggio provvisorio di D’Inverno, giunto al 22°, con una tripletta tutta nel secondo tempo. San Gottardo che termina quindi in quinta posizione, e può dirsi felice del proprio campionato.

C’era, però da vedere chi, fra Stella Sestrese e Prato avrebbe evitato il calvario dei playout per una salvezza diretta. Alla fine il campo ha detto che i rossoneri, grazie alla vittoria sul Ravecca possono dormire sogni tranquilli. Il Ravecca non regala nulla e nella sua ultima uscita prima di tornare in Seconda categoria, fa sudare la vittoria a Zampardo e compagni. 

Locali che trovano il gol al 43° con Arcuri che la sblocca su calcio di rigore dopo che Della Giovanna aveva colpito un palo. Nel secondo tempo proprio Della Giovanna ha più fortuna con una girata che fulmina Papatola. Gara in discesa da qui per i rossoneri che sfruttano gli spazi lasciati dal Ravecca ed al 77° la chiude con un colpo di testa di Rollando. Sechi firma l’ultimo gol stagionale dei biancorossi che rende meno amaro il ko. 

Dovrà giocarsi la finalissima playout invece la Stella Sestrese che viene steso da tre reti dello Sciarborasca, deciso a fare la partita e chiudere i conti salvezza. Partita che si sblocca al 32° con Aiello, bravo ad anticipare tutti di testa per l’1-0. La partita poi si chiude in avvio di ripresa con i gol di Galasso al 53° e Dellinnocenti al 56°. 

Stella che quindi giocherà contro il Voltri 87 lo spareggio, con il vantaggio di poter sfruttare due risultati su tre. I voltresi comunque arrivano allo scontro con un risultato positivo fatto di tanti gol. La Calvarese non aveva più nulla da giocarsi, mentre gli ospiti comunque attendevano solo di sapere chi avrebbero affrontato. La partita è, però bloccata, le squadre giocano su ritmi non vertiginosi e per gran parte del primo tempo si gioca molto a metà campo.

Come spesso accade può essere che le partite si accendano all’improvviso e infatti al 40° Soracase sblocca la gara per i biancorossi, ma i voltresi rispondono prontamente con Pellicci. 

Al rientro in campo il Voltri sfrutta il miglior momento psicologico e opera il sorpasso con Piazze che al 51° trova la rete dell’1-2. La Calvarese replica al 65° con Reina che ritrova il pareggio, ma l’ottovolante è ben avviato e al 78° Fedri riporta avanti gli ospiti.

Partita infinita perché in cinque minuti il neo entrato Paci firma una doppietta, con un gol in rovesciata, che capovolge ancora una volta il parziale. Ma la gara non è ancora conclusa e allora al 90° un calcio di rigore consente al Voltri di trovare il 4-4 clamoroso che fa ben sperare i biancocelesti.

Pioggia di gol anche fra Vecchiaudace Campomorone e Cà de Rissi, due squadre senza obbiettivi se non quello di chiudere in bellezza. Primo tempo che fa già capire come sarà la gara. Sprintano gli ospiti che vanno sul doppio vantaggio con due lampi: all’8° con Moreno da due passi; al 10° con Keita che ringrazia una dormita della difesa ed insacca.

La Vecchiaudace reagisce e in 15’ ribalta il parziale. Al 14° Fravega conclude e accorcia le distanze. Al 25° Draghici è rapace di testa e impatta iniziando una giornata quasi perfetta per lui che poi firma la doppietta personale e ribalta clamorosamente il parziale. Il bomber campomoronese, però non si ferma e in avvio di ripresa firma la tripletta personale che allunga in favore dei locali sul 4-2. Al 67° poi Casanova trova il quinto gol biancoazzurro che chiude i conti, ma il Cà de Rissi non ci sta a perdere così nettamente e si lancia in avanti trovando all’82° il gol del 5-3 con Moreno e all’85° il 5-4 con Comberiati, sfiorando una clamorosa rimonta.