Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Screzi tra il sindaco Bucci e il presidente di municipio “ribelle”: “Ritratta o ti faccio commissariare”

Il presunto episodio è stato denunciato da un gruppo di cittadini. La smentita di Bucci: "Tutto falso, accusa infamante, non possiamo commissariare a meno di evidenti problemi"

Genova. “Ritratta, oppure ti faccio commissariare” e anche “Tu devi fare quello che dico io”. Il sindaco di Genova Marco Bucci, secondo la denuncia di alcuni cittadini, avrebbe rivolto queste parole al presidente del municipio Valpolcevera Federico Romeo questa mattina alla fine dell’appuntamento “colazione con il sindaco”, in via Piombino, a Certosa.

A riportare l’episodio l’Anpi di Rivarolo, l’associazione culturale Mastro Libraio e il comitato Liberi cittadini di Certosa di cui alcuni esponenti erano presenti allo scambio di battute tra Bucci e Romeo. Il sindaco avrebbe chiesto a Romeo di ritrattare alcune dichiarazioni pubblicate sull’edizione genovese di Repubblica in cui criticava l’amministrazione per i tagli ai municipi e affermava che avrebbe mandato a Tursi i cittadini che si lamentano delle mancate manutenzioni. Al diniego di Federico Romeo, la presunta minaccia di commissariamento.

“Il sindaco pensa di trattare tutti come fossero suoi dipendenti e non rappresentanti di istituzioni liberamente elette che meritano il massimo rispetto – scrivono in un comunicato i cittadini – diamo piena solidarietà al presidente Federico Romeo e censuriamo con fermezza il sindaco Bucci”. Lo scambio di battute non è stato smentito dal presidente del municipio. Nel pomeriggio anche il gruppo del Pd in Comune e Regione, e la Lista Crivello, hanno espresso solidarietà a Federico Romeo.

La smentita. La replica del sindaco Bucci, contattato da Genova24, è arrivata dopo un paio d’ore. “Tutto assolutamente falso. La ritengo una accusa non vera ed infamante: non possiamo commissariare nessuno a meno di evidenti problemi amministrativi. Abbiamo bisogno di Presidenti che facciano amministrazione e non politica strumentale”.