Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Rifiuti, arriva l’ok della conferenza dei servizi: Scarpino riapre

Il Comune di Genova e Amiu contano di far partire la gestione del ciclo dei rifiuti

Genova. Si è svolta questa mattina la conferenza dei servizi che avrebbe dovuto concedere o negare l’autorizzazione per la riapertura della discarica genovese di Scarpino. La riunione ha dato il via libera.

Riaprirà a giugno la discarica, sulle alture di Sestri Ponente, chiusa dal 2014 dopo lo scandalo del percolato. A spiegare quali saranno i tempi e i modi attraverso i quali l’area tornerà ad accogliere i rifiuti di Genova è Tiziana Merlino, direttore generale di Amiu.

“Il provvedimento preso questa mattina dalla conferenza dei servizi – dice – ci autorizza a utilizzare Scarpino come discarica di rifiuti trattati però fuori regione, i rifiuti devono avere caratteristiche precise, separati per quanto riguarda secco-umido, a garantire che questi requisiti siano rispettati sarà Arpal che, in conferenza dei servizi, ci ha sottoposto un piano di monitoraggio e controllo molto stringente”.

L’autorizzazione all’apertura, materialmente, sarà emessa tra una decina di giorni. Dopodiché Amiu potrà chiudere gli accordi commerciali con gli impianti che pre-tratteranno i rifiuti. “In modo da avviare finalmente un nuovo ciclo – afferma Tiziana Merlino – dopo l’apertura della discarica la priorità sarà realizzare l’impiantistica mancante”.

Durante la conferenza dei servizi di oggi è stata aggiudicata anche la gara, gestita dalla Stazione unica appaltante, per le fideiussioni necessarie per coprire la messa in sicurezza di Scarpino. Giudicata vincitrice l’unica offerta pervenuta, quella del raggruppamento costituito da società tra cui Unipol, Axa, Sace e Coface.

“In questi mesi l’amministrazione – commenta Matteo Campora, assessore all’Ambiente del Comune – ha lavorato intensamente con la sua partecipata per raggiungere questo importante obiettivo. Il cambio di management aziendale ha contribuito ad accelerare il percorso per garantire la riapertura di un impianto vitale per i conti dell’Azienda e per la città”.