Aiuti

Pmi: plafond da 15 milioni con accordo Monte dei Paschi-Comfidi

Un nuovo accordo per incentivare gli investimenti delle imprese liguri

Genova. Banca Monte dei Paschi di Siena e Italia Comfidi rafforzano il legame storico per rivitalizzare l’economia ligure e sostenere gli investimenti delle piccole e medie imprese associate. Con questo obiettivo la banca senese e la società consortile di Confesercenti hanno predisposto un plafond da 15 milioni di euro rivolto agli imprenditori locali, siglando una convenzione per facilitare l’accesso al credito e favorire la concessione di finanziamenti.

“La Liguria è un territorio su cui stiamo investendo – ha commentato Moreno Sonnini, general manager dell’area territoriale Nord Ovest di Banca Monte dei Paschi di Siena – e vogliamo farlo al fianco delle Pmi che sono il cuore di questa regione e il motore per la ripresa dell’economia reale. È un territorio ricco di risorse e di grandi potenzialità che possono trovare uno sbocco se supportate adeguatamente. Per questo motivo con Italia Comfidi abbiamo voluto dedicare uno specifico plafond aperto a tutte le imprese regionali per incentivare gli investimenti, con l’assistenza e la consulenza costante della nostra rete di filiali”.

“Con questo accordo con Banca Monte dei Paschi di Siena vogliamo offrire un importante punto di riferimento per il mondo delle Pmi, spina dorsale dell’economia della Liguria e del nostro Paese, – ha spiegato il presidente di Italia Comfidi Nico Gronchi – rafforzare il sistema creditizio verso una sempre maggior attenzione alle qualità delle imprese, significa operare una scelta determinante per il futuro: quello che, concretamente, prevede questa importante iniziativa congiunta”.

Con il nuovo accordo Banca Mps si rende disponibile a esaminare la concessione di finanziamenti fino alla durata massima di 120 mesi, a tassi dedicati particolarmente favorevoli, assistiti da garanzia “a prima richiesta” di Italia Comfidi (massimo 80% del credito), con controgaranzia del Fondo Centrale di Garanzia per le Pmi.