Quantcast
Tutti i costi

Matrimoni, genovesi risparmiosi: meno di 13 mila euro per il “fatidico sì”

L'indagine Compass piazza la Lanterna al terz'ultimo posto per costi: dopo di noi solo Cagliari e Aosta

Genova. Meno di tredicimila euro per cento invitati con la spesa maggiore dedicata al catering (6 mila euro circa) e all’abito della sposa (circa 4 mila euro). E’ quanto spendono in media i genovesi per organizzare il giorno del fatidico “sì”, sempre però con un occhio al portafoglio. I dati arrivano dall’osservatorio Compass che ha analizzato le spese per il matrimonio nelle 20 principali città italiane.

Oltre alle due voci principali ci sono quelle per il fotografo (€ 825), il fioraio (€ 770), la band (€ 580) o i dj (€ 410) e la Torta nuziale (€ 400).

Sotto la Lanterna però si cerca sempre di risparmiare e così Genova si colloca in fondo alla classifica che vede su tutte le città Roma con una spesa media di di quasi 18 mila euro, seguita da Napoli, Palermo e Milano. Genova secondo i dati di ProntoPro, è al 18° posto: meno di noi spendono solo a Cagliari e ad Aosta.

L’indagine di Compass su dati ProntoPro ha evidenziato anche altri aspetti. Interrogati sulla preferenza tra matrimonio o convivenza, per gli italiani il primo rappresenta ancora un momento importante nella realizzazione della vita di coppia (per il 46%), mentre per il 38% la convivenza è un passaggio fondamentale prima del grande passo, e a pensarlo sono soprattutto i single. Una cosa è certa, che sia convivenza o matrimonio, solo l’8% preferisce la solitudine, un dato che sale al 26% tra i separati e divorziati.
 
Ma a livello generale, gli italiani come vedono il matrimonio? Senz’altro mai fuori moda (per il 54%), piuttosto stimolante (63%), rassicurante (61%) e non come un legame troppo impegnativo (65%). Ma restano ancora delle zone d’ombra, come i costi per l’organizzazione del “grande giorno” così come il fatto che solo quattro su dieci vedono questo momento come il coronamento del “sogno di una vita”.

Più informazioni