Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Lavoro, all’Abbazia di San Bartolomeo un ciclo di incontri per imparare a cercarlo

A Sampierdarena l'iniziativa di Don Mario Passeri. Primo appuntamento venerdì 4 maggio alle 21: "Il mercato del lavoro oggi"

Più informazioni su

Genova. D’altronde il cardinale e arcivescovo di Genova Angelo Bagnasco l’ha sempre detto: “Lavoro, è la cosa più importante”. Don Mario Passeri, parrocco della abbazia di San Bartolomeo del Fossato, a Sampierdarena, e cappellano del lavoro in aziende come Leonardo, Ericsson, Esaote, Eni, Piaggio e altre ancora, ha deciso di mettere a frutto i propri contatti nella direzione indicata dal suo superiore e ha organizzato una rassegna ad hoc.

“Mondo del lavoro. Cercare o creare?” è il titolo del ciclo di appuntamenti che ha l’obbiettivo di fornire suggerimenti e consigli su come cercare lavoro, come compilare un curriculum,dare informazioni su cosa cercano le aziende o ancora su come presentarsi a un colloquio di lavoro.

“Gli incontri sono rivolti a chi cerchi un lavoro o desideri ricollocarsi in una posizione migliore – dice don Mario Passeri – oggi per trovare un lavoro bisogna ideare, creare, modellare, promuovere la propria immagine e investire sulla propria formazione. Per mettere in pratica questo processo è necessaria maggior consapevolezza di se stessi e del mondo esterno che si può acquisire attraverso strategie mirate e calibrate”.

Chiesa o centro per l’impiego? Don Passeri non dimentica la fede: “Obiettivo dei nostri incontri è aiutare le persone a dare il massimo di sé e a rendere gloria al Signore attraverso la chiamata alla santità per ciascuno di noi. E questo si realizza valorizzando i talenti che ci sono donati”.

Il primo appuntamento domani sera, venerdì 4 maggio, “Il Mercato del lavoro oggi”. Il 18 maggio si parlerà di “Come presentarsi in modo efficace”. L’8 giugno, “Cv, colloquio, contratti di lavoro”. Infine, il 22 giugno verranno offerte riflessioni su lavoro “Dipendente o autonomo”.

Gli appuntamenti sono gratuiti, ma è gradita un’offerta per sostenere le spese di organizzazione.