Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Incandela – gol e l’Anpi si prende la Prima Categoria

Biancorossi che vincono meritatamente contro una Rossiglionese che paga le troppe assenze importanti. La Don Bosco si aggiudica la gara di andata con il Pontecarrega ed è ora favorita per la salvezza

L’Anpi Casassa è la seconda squadra a guadagnarsi la promozione nel campionato Seconda Categoria Girone D dopo il Mariscotti, vincitorie del campionato. I biancorossi hanno infatti prevalso nella finalissima playoff contro la Rossiglionese. Rispettate quindi le posizioni di classifica al termine della regular season che aveva visto chiudere l’Anpi al secondo posto davanti appunto a Rossiglionese ed Atletico Quarto.

Partita che l’Anpi fatica a portare dalla propria parte, nonostante una gara giocata all’attacco, perché i bianconeri dall’altra parte si difendono bene e non rinunciano a giocare. Prima occasione per Vio che sarà il più attivo dei suoi per tutta la gara, ma il suo tiro sporcato da un difensore giunge fra le mani di Bruzzone. Al 24° ancora Vio e Bruzzone in duello, con il primo in fuga sul filo del fuorigioco ed il secondo in uscita bassa a sventare il pericolo.

L’Anpi è più propositivo e pericoloso nonostante sia la Rossiglionese, almeno sulla carta a dover fare la partita visti i due risultati utili su tre a disposizione dei padroni di casa che non rischiano pressocché nulla e anzi sfiorano il gol al 35° con Hanuman che in girata non trova la porta per un soffio. La prima occasione per gli ospiti arriva nel finale con un tiro al volo di Ottonello che esce ampiamente sul fondo. Primo tempo che si chiude ancora con l’Anpi in avanti: Incandela serve Mangiapane, ma il suo esterno è estemporaneo ed esce senza creare problemi a Bruzzone.

Nella ripresa i ritmi si alzano e Vio scappa sulla destra, crossa basso la palla danza sulla linea e Nervi anticipare Hanuman. Ancora il fantasista biancorosso protagonista con un dribbling in area, zona di sinistra, tiro che il portiere devia con il corpo in corner. La Rossiglionese si conferma in difficoltà e sottotono mentre l’Anpi spinge alla ricerca del colpo del ko. Germinara tenta di beffare Bruzzone su punizione, ma la palla passa di un soffio sulla traversa. Prima occasione del secondo tempo per la Rossiglionese con un tiro su calcio piazzato di Salis, che aggira la barriera, ma la conclusione è troppo lenta, Bernini blocca senza problemi.

Bianconeri che hanno l’occasione più ghiotta all’ora di gioco quando Olivieri serve in verticale Civino che beffa il portiere con un tiro a palombella, ma la traversa strozza l’urlo di gioia in gola all’attaccante valligiano. Dopo la paura l’Anpi ritorna in attacco con una punizione potente di Raiteri che si stampa all’incrocio dei pali pareggiando il conto dei legni. Pastorino poi anticipa tutti su un cross dalla destra, ma il suo piattone al volo esce di poco. 

Si arriva agli ultimi dieci minuti con la Rossiglionese che sembra averne di più dopo avere subito l’iniziativa dell’Anpi per almeno tre quarti di partita. All’80° Salis arriva in corsa su un pallone liberato dalla difesa locale, conclusione brutta e debole che esce. Lograsso poi viene chiuso dall’ottimo Bruzzone all’84° dopo uno scambio in velocità con il “solito” Vio. Quando la gara sembra ormai destinata ai supplementari, l’Anpi trova il meritato gol che vale una stagione. Oliveri si addormenta col pallone fra i piedi in uscita, arriva in corsa Badamassi, appena entrato, che gli scippa il pallone, va sul fondo e pesca Incandela che all’altezza del vertice dell’area piccola gira di prima beffando Bruzzone. Siamo al 92° per la Rossiglionese non c’è più tempo e l’Anpi più iniziare a festeggiare.

Per una squadra che saluta la Seconda categoria destinata a quella superiore, troviamo due squadre che invece si affrontano per mantenerla. Si tratta di Don Bosco e Pontecarrega che sono scese in campo nella finale di andata dei playout. Biancorossi favoriti dalla migliore posizione in classifica, salesiani che invece hanno potuto riposare nello scorso fine settimana durante il quale il Pontecarrega usciva sconfitto contro il Mura Angeli nella semifinale.

In un clima più autunnale che estivo, sotto momenti di pioggia intensa, si gioca al Ferrando e la Don Bosco scende in campo consapevole di dover cercare di vincere senza subire gol anche in vista del match di ritorno. La gara inizia male per i salesiani che al 25° si vedono fischiare un rigore contro, ma Vargiu dal dischetto spreca facendosi parare il tiro da un Di Moro in grande spolvero. Al 40° Lutero arriva di testa in area, ma non centra la porta. Nella ripresa cambia tutto perché la Don Bosco attacca senza scoprirsi troppo e al 78° Ariotti viene atterrato in area. Rigore ed espulsione per Solari che lascia il Pontecarrega in dieci. Dagli undici metri non sbaglia lo stesso Ariotti che firma il gol dell’1-0. La gara finisce con la vittoria dei granata che ora possono crederci e nella gara di ritorno partiranno da favoriti.