Quantcast
Migrazioni storiche

Epopea dei Tabarchini, Comune di Genova e Governo tunisino insieme per candidatura Unesco

Il riconoscimento viene richiesto per le città di Genova, Tabarka, Carloforte, Calasetta e Nueva Tabarka

tabarca

Genova. La città di Tabarka è sede in questi giorni (fino a domenica 6 maggio) di un importante evento dal titolo “L’eredità culturale dell’avventura storica dei Tabarchini, un patrimonio mediterraneo condiviso”, organizzato intorno al progetto di candidatura a patrimonio immateriale dell’umanità UNESCO dell’epopea del popolo tabarchino.

Al termine dei lavori, un documento congiunto tra il Comune di Genova, rappresentato dal consigliere Luca Remuzzi, e la municipalità di Tabarka sancirà la volontà di proseguire insieme in un progetto al quale l’Amministrazione comunale, affiancata dalla Regione Liguria e dal Municipio Ponente ma anche dal Governo tunisino, ha dato fin dall’inizio grande importanza.

La vicenda storica dell’isola di Tabarka è una straordinaria narrazione di tradizione, koiné culturale e condivisione di identità e valori, che accomuna un popolo e che ha superato eventi storici, drammi e peregrinazioni: «Un patrimonio di storia comune che verrà arricchito di nuove progettualità – dichiara l’assessore al Commercio e Turismo Paola Bordilli – per legare ancora più le città partner che conservano la lingua e la cultura dei fondatori.
Gli stanziamenti fondati da cittadini pegliesi non erano colonie, ma veri insediamenti, punti di commercio in cui i pegliesi fecero affari, ma soprattutto portarono e condivisero l’identità culturale genovese, la nostra lingua, i nostri usi e costumi. Si potrà fare molto insieme, dal recupero di vestigia e reperti genovesi alle molte iniziative allo studio in campo teatrale, cinematografico, artistico, alle attività sportive, per arrivare a una possibile strategica comune in campo turistico e di sviluppo territoriale».

Il riconoscimento UNESCO, che viene richiesto per le città di Genova, Tabarka, Carloforte, Calasetta e Nueva Tabarka, potrà costituire, per il futuro, una base comune di lavoro che aiuti le Istituzioni a salvaguardare la continuità e l’identità del popolo tabarchino.

Parte attiva delle iniziative legate a questo percorso è il Circolo Culturale Norberto Sopranzi che ha coinvolto l’amministrazione cittadina in occasione della scorsa Giornata Storica Pegliese in un momento importante di valorizzazione del Ponente genovese.

leggi anche
Generica
Legame
Genova abbraccia i “fratelli d’oltremare”: sancito il gemellaggio ufficiale con Carloforte e Calasetta