Quantcast
Nulla da fare?

ASG Superconductors, famiglia Malacalza rifiuta mediazione Regione e conferma i nove esuberi

bobina asg superconductors

Genova. Questa mattina in Regione si è svolta la riunione tra le organizzazioni sindacali, i rappresentanti di ASG Superconductors e della Regione Liguria sulla vertenza che interessa l’azienda.

Il Gruppo Malacalza ha deciso di unificare sotto ASG le due controllate Columbus e Paramed, decisione che ha portato ad una serie di esuberi e licenziamenti. Mercoledì scorso i lavoratori di ASG hanno scioperato ed incontrato l’Assessore Berrino e il Presidente Toti. Quest’ultimo, interessandosi alla vicenda ha dato la propria disponibilità ad intercedere con la famiglia Malacalza per cercare di scongiurare 9 esuberi nella sola ASG. S

econdo quanto dichiarato dal Presidente, la Regione avrebbe potuto garantire ammortizzatori sociali e/o percorsi formativi per riqualificare il personale. Nonostante queste apertura da parte della Regione, la famiglia Malacalza ha preferito continuare per la propria strada ed ha confermato 9 esuberi. Da lunedì pertanto, in 9 famiglie genovesi potrebbero arrivare altrettante lettere di licenziamento.

“E’ una vergogna che una azienda che ha 150 dipendenti nel solo sito genovese non riesca a trovare una soluzione per 9 dipendenti – si legge nella nota di Fiom Cgil Genova – anche in virtù della disponibilità immediata della Regione. Probabilmente il Gruppo è maggiormente sensibile alle sirene dell’alta finanza piuttosto che a svolgere al meglio e sul territorio la propria funzione sociale di impresa”

leggi anche
proteste lavoratori gruppo malacalza
Fiom
Lavoro, da Malacalza altri due licenziamenti in Asg Superconductors
asg superconductors
Protesta
Licenziamenti in Asg, corteo nel ponente cittadino. E martedì in Regione incontro sulla vertenza