Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Un elicottero sorvolerà cieli della Liguria dal 2 maggio, ecco perché

Il velivolo ha un compito di controllo essenziale per un servizio di cui non si può fare a meno

Più informazioni su

Genova. Se vedete sorvolare i cieli di Genova (e provincia) da un elicottero a bassa quota, potrebbe non essere a causa di Euroflora, ma di un’importante operazione di controllo da parte di E-Distribuzione, la società del Gruppo Enel che gestisce la rete elettrica di media e bassa tensione nelle province di Genova, Savona, Imperia e La Spezia. L’operazione ha l’obiettivo di verificare lo stato delle linee elettriche aeree.

Dal 2 maggio e per circa venti giorni, E-Distribuzione sarà impegnata nell’osservazione della propria rete di media tensione, per un totale complessivo di circa 1.718 km. Mediante il sorvolo a bassa quota, sarà possibile per l’azienda rilevare eventuali anomalie e riprendere la situazione degli impianti, controllando la presenza di piante e vegetazione nelle immediate vicinanze dei conduttori e lo stato di conservazione di sostegni, mensole, isolatori, sezionatori e posti di trasformazione su palo.

Per la prima volta le ispezioni saranno eseguite in via sperimentale anche con l’ausilio di un innovativo sensore laser scanner che consente una maggior accuratezza dei rilievi effettuati durante il sorvolo delle linee elettriche.

L’intervento sarà realizzato con le linee elettriche in tensione, senza quindi ricorrere ad alcuna interruzione del servizio. Al controllo elettronico aereo seguirà l’analisi dei dati registrati ed eventuali ispezioni da parte dei tecnici E-Distribuzione che definiranno il successivo piano di interventi.

Per la provincia di Genova ecco i Comuni interessati:

Arenzano, Avegno, Borzonasca, Busalla, Camogli, Campo Ligure, Campomorone, Carasco, Casarza Ligure, Casella, Castiglione Chiavarese, Ceranesi, Chiavari, Cogoleto, Cogorno, Davagna, Fascia, Fontanigorda, Genova, Gorreto, Lavagna, Leivi, Lorsica, Masone, Mezzanego, Mignanego, Moconesi, Moneglia, Montebruno, Montoggio, Ne, Pieve Ligure, Recco, Rezzoaglio, Ronco Scrivia, Rondanina, Rossiglione, Rovegno, San Colombano Certenoli, Santa Margherita Ligure, Santo Stefano d’Aveto, Sant’Olcese, Savignone, Serra Riccò, Sestri Levante, Sori, Torriglia, Uscio.

L’ispezione riguarda anche le altre province liguri:

Savona:

Alassio, Albenga, Albisola Superiore, Albissola Marina, Altare, Andora, Arnasco, Balestrino, Bergeggi, Boissano, Borghetto Santo Spirito, Borgio Verezzi, Cairo Montenotte, Carcare, Casanova Lerrone, Castelbianco, Castelvecchio di Rocca Barbena, Celle Ligure, Cengio, Ceriale, Cisano sul Neva, Cosseria, Dego, Erli, Finale Ligure, Garlenda, Giusvalla, Laigueglia, Loano, Mioglia, Nasino, Noli, Onzo, Orco Feglino, Ortovero, Piana Crixia, Pietra Ligure, Pontinvrea, Sassello, Savona, Spotorno, Stella, Stellanello, Testico, Toirano, Tovo San Giacomo, Vado Ligure, Varazze, Vendone, Vezzi Portio, Villanova d’Albenga, Zuccarello.

Imperia:

Aquila d’Arroscia, Armo, Bordighera, Borghetto d’Arroscia, Camporosso, Castellaro, Cervo, Chiusanico, Chiusavecchia, Cipressa, Civezza, Cosio d’Arroscia, Costarainera, Diano Castello, Diano Marina, Dolcedo, Imperia, Mendatica, Montegrosso Pian Latte, Ospedaletti, Pietrabruna, Pieve di Teco, Pompeiana, Pontedassio, Pornassio, Prelà, Ranzo, Riva Ligure, San Bartolomeo al Mare, San Lorenzo al Mare, Sanremo, Santo Stefano al Mare, Taggia, Triora, Vallecrosia, Vasia, Ventimiglia, Vessalico.

La Spezia:

Ameglia, Arcola, Beverino, Bolano, Borghetto di Vara, Brugnato, Calice al Cornoviglio, Carro, Carrodano, Castelnuovo Magra, Deiva Marina, Follo, La Spezia, Lerici, Levanto, Maissana, Monterosso al Mare, Ortonovo, Pignone, Portovenere, Riccò del Golfo di Spezia, Rocchetta di Vara, Santo Stefano di Magra, Sarzana, Sesta Godano, Varese Ligure, Vezzano Ligure, Zignago.