Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Spazio Rari Nantes Camogli, sfuma il sogno playoff risultati fotogallery

La formazione bianconera ha perso in casa contro il Plebiscito Padova

Camogli. Poteva essere ma non è stato. C’è tanto rammarico in casa Rari Nantes Camogli al termine della netta sconfitta interna contro il Plebiscito Padova.

La gara rappresentava l’ultima chiamata per provare a salire con forza e determinazione sul treno playoff. Però, nonostante una spinta incessante di una tifoseria magnifica, i ragazzi allenati da Magalotti non sono riusciti quasi mai a mettere in difficoltà gli ospiti, subendo già cinque reti nella prima frazione.

Dopo una prima parte di tempo equilibrata, infatti, il Padova ha iniziato a trovare la via del gol con una regolarità disarmante. In particolare, dopo il gol di Guenna del momentaneo 2 a 4, gli ospiti hanno sferrato un parziale di 5 a 0 mettendo già definitivamente le mani sulla partita con ancora due tempi abbondanti ancora da giocare.

Nelle ultime due frazioni i bianconeri hanno provato a scuotersi in attacco segnando qualche gol ma il 13 a 7 finale non lascia spazio a repliche.

Nel post partita, mister Daniele Magalotti ha commentato in questi termini la prova dei suoi: “Io so che non è vero ma è il campo che parla e oggi abbiamo dimostrato di essere una squadra di metà classifica allenata da un tecnico di metà classifica. Mi dispiace perché so che i miei ragazzi valgono molto di più e forse, sempre per colpa mia, in questa stagione abbiamo spento l’interruttore troppo presto. Gli altri risultati ci avevano regalato una seconda possibilità ma non siamo riusciti a coglierla e oggi sfumano i nostri sogni playoff. La nostra è una squadra piena di ottimi pallanuotisti ma per raggiungere certi obiettivi è necessario lavorare molto sulla testa per far sì che si entri in vasca cattivi e determinati ogni sabato. Abbiamo subito dei gol incredibili che in questi cinque anni non avevamo mai subito. So che questa è una questione solo ed esclusivamente mentale perché i miei ragazzi valgono di più. Adesso cercheremo di onorare il finale di stagione come meglio possiamo”.