Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sale la febbre da derby. Ballardini sull’attenti: “Non stiamo sereni”, Giampaolo scaramantico: “Noi sfavoriti” risultati

Su www.genova24.it domani il racconto del match più atteso e sofferto della stagione

Genova. In questo densissimo weekend sportivo, con i riflettori puntati sul tennis, su Valletta Cambiaso e sulla Coppa Davis, sale però – e come potrebbe essere altrimenti – anche la febbre da derby. Sampdoria-Genoa, ore 20e45 al Ferraris, una partita che vi racconteremo sotto ogni punto di vista (il gioco, l’atmosfera nelle tifoserie, le coreografie) qui su www.genova24.it

Lo scorso novembre, l’andata era finita 2 a 0 per la Sampdoria (gol di Ramirez e Quagliarella). I blucerchiati in classifica sono sopra al Genoa, al settimo posto contro il 12esimo, 47 punti contro 34. Ma è anche per questo che il mister blucerchiato Marco Giampaolo può permettersi più che mai di dedicarsi alla scaramanzia. “Partiamo da sfavoriti”, ha detto in conferenza stampa. “Una battuta” ha chiosato l’allenatore del Genoa Ballardini, che non ha mangiato la foglia.

Davide Ballardini è più che altro delle condizioni fisiche dei suoi giocatori. “Sarà la terza partita in una settimana e dovremo valutare tra oggi e domattina le condizioni di molti elementi. Izzo e Veloso non ci saranno. Galabinov? Si è allenato col gruppo e risponde alle sollecitazioni ma valuteremo”. Il Genoa arriva a questa sfida forte del successo conquistato con il Cagliari ma a Ballardini è vietato parlare di serenità. “Sarebbe gravissimo avere meno ansia – ha detto il tecnico – se sei sereno non va bene. La serenità va dosata, con la serenità faccio poco o nulla. Invece con l’attenzione, la consapevolezza, la voglia di fare bene e la giusta tensione riesci a dare il meglio di te”.

Alla vigilia della stracittadina numero 116, Marco Giampaolo dice: “Fino a cinque giorni fa ci davano per morti – prosegue – Se una settimana fa eravamo morti, ci arriviamo da sfavoriti”. “L’avversario è quadrato, subisce pochi gol e riesce a stare sempre in partita – afferma l’allenatore doriano -. Sarà una partita fisica, sono in salute: ho sempre detto di avere grande rispetto per l’undici di Ballardini”. Domani rifinitura a Bogliasco per sciogliere gli ultimi dubbi: Fabio Quagliarella dovrebbe essere recuperato. In attacco la novità potrebbe essere Gianluca Caprari alle spalle di Duvan Zapata e Quagliarella. A centrocampo linea a tre composta da Karol Linetty, Lucas Torreira e Dennis Praet.