Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Rossiglionese ko a Mele. L’Anpi ringrazia e si prende il secondo posto risultati

I bianconeri vengono battuti dai gialloblù e dovranno affrontare l'Atletico Quarto nella semifinale playoff. Anpi che va direttamente in finale. Mura Angeli che vince e preserva la posizione migliore per i playout

Si chiude con un colpo di scena la regular season di Seconda categoria, Girone D che ha nel Guido Mariscotti i vincitori del campionato, ma che vedeva aperta la lotta fra Anpi Casassa e Rossiglionese per il secondo posto. 

I biancorossi dell’Anpi fanno il proprio dovere e superano il Pontecarrega per 2-0 in una partita non semplice visto che gli avversari cercavano tre punti per provare a conquistarsi una migliore posizione per i playout ed hanno costretto Incandela e compagni a fare gli straordinari. Alla fine ci ha pensato Lograsso a regalare tre punti molto pesanti all’Anpi che vince nel secondo tempo. 

La vittoria dell’Anpi costringeva la Rossiglionese a fare altrettanto in quel di Mele contro una compagine come quella gialloblù che salutava il proprio pubblico senza pensieri di sorta. La partita si mette bene al 28° per i locali che trovano il vantaggio con uno sfortunato autogol di Sciutto. Nel secondo tempo Pedemonte raddoppia e cinque minuti dopo Bracco evidenzia un certo nervosismo per i bianconeri che restano in dieci e al 75° subiscono anche il terzo gol da Buonopane. Inutile la rete della bandiera di Piombo all’85°, la Rossiglionese perde il secondo posto e dovrà quindi giocarsi la semifinale con l’Atletico Quarto.

I gialloblù infatti hanno travolto una Bolzanetese ancora in festa per la salvezza raggiunta da una settimana. Primo tempo in equilibrio con uno squillo per parte. Vantaggio dei padroni di casa con Villa che sigla l’1-0 dopo una bella azione personale, mentre alla mezzora Giacobone su punizione pareggia. Nel secondo tempo Fabiano riporta avanti i gialloblù che poi dilagano con Mosetti e Musicò autore di un gol di gran fattura con un bel colpo di tacco. Atletico che si giocherà i playoff contro la Rossiglionese. 

Non poteva più evitare di finire direttamente nello spareggio salvezza la Don Bosco, ma sicuramente ci potrà arrivare con il morale più alto grazie alla vittoria con cui i salesiani chiudono la stagione regolare. Contro il Campi i granata vincono una gara tutt’altro che semplice e molto spettacolare. Le due squadre non hanno da giocarsi nulla se non il prestigio e la voglia di chiudere al meglio.

Il Campi passa in vantaggio dopo soli 6’ grazie a Di Giorgio. Dieci minuti dopo Ariotti ristabilisce l’equilibrio con cui le squadre vanno al riposo. Il secondo tempo si apre con Lutero che, appena entrato infila Cavallino, imitato due minuti dopo da Ariotti che permette ai salesiani di allungare sull’1-3. Di Giorgio riapre i giochi al 60°, ma Moscariello su punizione rimette due reti di differenza tra le squadre. Ancora Di Giorgio corona un finale di campionato da sogno con la tripletta personale, che non basta, però al Campi per migliorare la propria classifica.

Tanto rammarico a Masone per un quinto posto che non permette comunque ai valligiani di accedere ai playoff, visti i 13 punti di distacco dal secondo posto. I biancoazzurri chiudono comunque con una vittoria un campionato che li ha visti per alcune giornate anche protagonisti nella lotta per il primo posto.

Contro la Casellese la gara parte in salita: al 5° Pittaluga trova la rete dello 0-1. Vantaggio ospite che dura poco perché Rotunno al 10° pareggia i conti. Nel secondo tempo il Masone attacca alla ricerca dei tre punti e al 75° con un gran colpo di testa in tuffo Galleti completa la rimonta. All’80° standing ovation per Rotunno che piazza la doppietta personale e trova il suo gol numero 200 in carriera. Finisce 3-1, la Casellese saluta e torna in terza categoria, mentre per il Masone c’è la consapevolezza di poter essere protagonista l’anno prossimo.

Il Mura Angeli si avvicina alla semifinale playout con il Pontecarrega con una vittoria che fa sicuramente morale (e che consentiva, alla vigilia, di confermare il quart’ultimo posto). Partita vinta in trasferta contro il Carignano che non ha lesinato sforzi e che ha regalato emozioni fino all’ultimo. Il Mura passa nel primo tempo con Cacciabue. Nel secondo tempo Arvieri trova il varco per il pareggio, ma Fagiana all’85° piazza la zampata dell’1-2. Finale thrilling poi perché al 90° il Carignano beneficia di un calcio di rigore. Dal dischetto va Giometti, ma Ingallinera intuisce e devia in modo decisivo la sfera. Mura che trova una grande spinta morale dalla partita e si prepara per i playout.

Infine la capolista, che giocava per raggiungere la cifra tonda dei 60 punti in classifica contro l’Olimpia. Gara che non influenzava la graduatoria e che vedeva nell’Olimpia la presenza del presidente Canepa in campo come difensore. Si gioca quindi in un clima sereno, anche se il Mariscotti non ci sta a perdere e passa in vantaggio al 21° con Renna. Al 38° l’Olimpia pareggia con Zero , poi nella ripresa Tall riporta avanti i suoi su rigore al 66°. Per lui arriverà una doppietta grazie alla rete del 5-1 definitivo che sigla al 90°. In mezzo è Mattiucci show anch’egli protagonista con una doppietta in cinque minuti. Olimpia ko, ma comunque felice per una stagione giocata su alti livelli. Mariscotti che chiude in bellezza.