Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Promozione: si decide tutto nell’ultima giornata risultati

Vincono tutte e tre le prime. Il Varazze mantiene la testa e affronterà la Caperanese terza a -3 nell'ultima giornata. In mezzo potrebbe approfittarne l'Isolese che, però dovrà superare il Bogliasco

Una stagione in 90’. Così si può definire l’ultima giornata di campionato di Prima categoria, girone C. Tre squadre racchiuse in altrettanti punti dopo il 29° turno che ha visto vincere le prime della classe. Il Varazze arriva all’ultima giornata carico dopo il roboante 6-0 rifilato alla Calvarese che consente ai nerazzurri di mantenere il primo posto. Mori apre le danze al 16°, Kepi raddoppia al 23°. La gara si chiude nel primo tempo perché Morando al 35° triplica e Mori  firma la doppietta personale mandando le squadre al riposo sul 4-0. Nel secondo tempo, i ritmi calano, ma il Varazze non rinuncia ad attaccare e trova anche il 5-0 con Parodi e il 6-0 con Colombi.

Un punto dietro ai varazzini troviamo l’Isolese che supera lo scoglio Voltri 87, impegnato nei bassifondi e che rischia di finire direttamente in finale playout (Stella Sestrese e Prato sono a +6). I biancoverdi impiegano poco più di mezzora per passare in vantaggio con Migliaccio. Dopo il gol la gara resta in stallo perché il Voltri reagisce e gioca comunque per gran parte della partita alla pari. Decisiva l’entrata in campo dell’esperto Amirante che in venti minuti la risolve con una doppietta che regala i tre punti ai suoi.

Terza incomoda è la Caperanese che a tre punti dal Varazze si giocherà le proprie carte nello scontro diretto di domenica a Chiavari. I verdiblù hanno infatti sconfitto nettamente la Stella Sestrese. Avvio con botta e risposta fra le due squadre. Al 14° Moggia insacca da due passi portando in vantaggio gli ospiti. Cinque minuti dopo Catania ristabilisce la parità. 

Al 32° Loero riporta avanti i chiavaresi di potenza. Nel secondo tempo i verdiblù riescono a mettere al sicuro il risultato con il gol di Rolandelli su rigore al 52°. Al 75° arriverà poi il punto esclamativo di Rizzardi che consente alla Caperanese di continuare a sperare nella vittoria finale.

Il Bogliasco viene fermato dal San Gottardo sul pari e perde il treno per i primi posti, dovendosi ora guardare le spalle dalla Sampierdarenese, salita a -2 dai biancorossi. Ai “Tre Campanili” la partita si gioca su buoni ritmi, gli ospiti non hanno nulla da perdere, e possono sognare il colpaccio che  li farebbe rientrare nella lotta playoff. I locali invece con una vittoria rinsalderebbero il quarto posto con prospettiva sul terzo. 

Primo tempo di studio che vede poche occasioni e il gol che sblocca la gara arriva solamente al 35° quando Bettalli infila Bertulessi e porta in vantaggio i bogliaschini. Con questo punteggio si va al riposo e al rientro sono gli ospiti a spingere alla ricerca del gol del pari che arriva al 60° con Camarda. Quindici minuti dopo il San Gottardo ribalta tutto e passa davanti con Traverso. Il Bogliasco spinge nel finale in cerca del gol del pareggio e lo trova all’ultimo minuto con Calissi che spegne i sogni di gloria del San Gottardo. 

Sogni che invece continua a coltivare la Sampierdarenese che con il pari del Bogliasco, si rifà sotto ed ha solamente 2 punti di ritardo rispetto ai biancorossi che nell’ultima giornata saranno chiamati a compiere l’impresa con l’Isolese. I lupi sampierdarenesi travolgono il Begato, destinato nel migliore dei casi alla finale playout, e possono ancora entrare nei playoff.

Gara a senso unico a Begato con la Sampierdarenese che passa al 20° con Gallo e raddoppia al 44° con Rossi. Nel secondo tempo Carubba cala il tris al 66° e Rossi con la doppietta chiude i conti con il poker. Al 90° il gol della bandiera del Begato che serve solo alle statistiche, lo firma Faraci. 

In chiave salvezza è di fondamentale importanza la vittoria del Prato che torna a pari punti con la Stella Sestrese, ma è avanti in virtù della differenza reti negli scontri diretti. I rossoneri passano sul campo del Via dell’Acciaio grazie alla rete in apertura di gara di Fasciolo. Gli ospiti difendono con le unghie il risicato vantaggio e riescono a portarsi a casa 3 punti che potrebbero voler dire salvezza. 

Un obbiettivo che si giocherà lo Sciarborasca nell’ultima partita. I gialloblù infatti non riescono a superare il Cà de Rissi ai quali il punto basta per festeggiare la permanenza in categoria con un turno di anticipo. A segno va prima la squadra ospite con Aiello che al 32° porta in vantaggio lo Sciarborasca. Un rigore di Ballabene, nel primo tempo in panchina ed ancora una volta decisivo, pareggia i conti nella ripresa e fa partire la festa del Cà de Rissi. 

Infine la Vecchiaudace Campomorone, ormai fuori dai giochi per la promozione, non rinuncia a giocare e a vincere. Contro il Ravecca la gara è equilibrata e si sblocca già all’8° con Casanova, bravo ad anticipare tutti di testa. Al 12° Vecchietti pareggia e i ritmi tornano alti. Fravega in avvio di ripresa trova il gol decisivo che conduce alla vittoria i suoi anche se Draghici proprio al 90° fallisce un rigore che comunque non influisce sulla gara.