Da 36 ore

Omicidio via Fillak, ancora nessuna traccia del marito di Angela. L’appello dei parenti per le ricerche fotogallery

L'uomo, formalmente ancora non indagato, è irreperibile da 36 ore, ma i suoi documenti sono rimasti nell'appartamento della moglie

Genova. Ancora nessuna notizia di Javier Napoleon Pareja Gamboa, il 52enne marito di Angela Reyes Coello, trovata morta ieri nella sua abitazione di Certosa con una coltellata al cuore. L’uomo che era ritornato sabato a Genova dopo alcuni mesi in Ecuador proprio per tentare un riavvicinamento con la moglie, risulta irreperibile.

Secondo quanto raccontato ai carabinieri dalla coinquilina della vittima sabato, i due appena tornati a casa intorno alle 13 dopo che lei era andata a prenderlo in aeroporto a Milano, avevano cominciato a litigare.

Il suo identikit è stato diramato dai carabinieri del nucleo investigativo a tutte le forze di polizia con particolare attenzione a stazioni e aeroporti mai i suoi documenti sono rimasti nel piccolo appartamento di via Fillak così come le valige che non sono state disfatte: questo potrebbe far pensare che l’uomo si nasconda in città a casa di qualcuno, senza escludere che invece abbia deciso di farla finita. Formalmente Pareja non è ancora indagato per l’omicidio della moglie: il fascicolo aperto dal sostituto procuratore Gabriella Marino è ancora contro ignoti, ma è questione di ore.

Intanto la sorella della vittima ha pubblicato sulla sua pagina Facebook un appello per trovare il marito di Jenny (così era nota a tutti la vittima): “Se busca a este asesino toda persona que lo identifique por favor llamar a la policia en España o en Italia – scrive Nancy Morales -por favor condividan no es una broma acaba de asesinar a mi hermana se a hido a la fuga gracias por cualquir colaboracion”

Più informazioni
leggi anche
  • Via fillak
    Sampierdarena, 46enne accoltellata in casa. I carabinieri cercano il marito
  • In manette
    Omicidio Fillak, fermato da una volante il marito di Angela: ha confessato
  • Le indagini
    Omicidio via Fillak, il marito reo confesso per gelosia: “Non ci ho più visto e l’ho colpita, poi ho vagato per due giorni”