Omicidio Fillak, fermato da una volante il marito di Angela: ha confessato - Genova 24
In manette

Omicidio Fillak, fermato da una volante il marito di Angela: ha confessato

Indossava ancora i vestiti sporchi di sangue

Omicidio via Fillak

Genova. E’ stata una volante della polizia, questa notte, intorno alle 2e45 a fermare Javier Napoleon Pareja Gamboa, 52 anni, marito di Angela Reyes Coello, la donna di 46 anni trovata morta sabato nella sua abitazione di Certosa con una coltellata al cuore.

L’uomo è stato trovato in via delle Fabbriche a Voltri, nel ponente cittadino. Aveva ancora i vestiti sporchi di sangue.

Secondo quanto appreso avrebbe confessato il delitto con i poliziotti: “Mi faceva le corna, così l’ho uccisa”.

Il 52enne è stato portato in Questura e da lì condotto in Procura dove si trova sotto interrogatorio da parte del sostituto procuratore Gabriella Marino.

L’uomo era tornato in Italia sabato mattina con un aereo atterrato a Milano dopo diversi mesi passati in Ecuador. Era stata proprio la moglie ad andarlo a prendere. Erano arrivati nell’appartamento di via Fillak intorno alle 13 e subito avevano cominciato a discutere tanto che la coinquilina di Angela intorno alle 16 aveva deciso di lasciarli soli.

Poi la tragedia, avvenuta probabilmente poco dopo, ma ora sarà lui stesso probabilmente a spiegare al pm nei dettagli cosa è accaduto.

L’interrogatorio, cominciato poco dopo le 9 è terminato alle 13. Insieme al pm erano presenti funzionari della squadra mobile (visto che sono state le volanti dellUpg ha individuare l’uomo) e ufficiali dei carabinieri che firmeranno entrambi il verbale di fermo. Secondo le prime informazioni anche con il pm l’uomo avrebbe confermato di essere l’autore del delitto.

Più informazioni
leggi anche
Omicidio via Fillak
Da 36 ore
Omicidio via Fillak, ancora nessuna traccia del marito di Angela. L’appello dei parenti per le ricerche
omicidio via fillak
Via fillak
Sampierdarena, 46enne accoltellata in casa. I carabinieri cercano il marito
Omicidio via Fillak
Le indagini
Omicidio via Fillak, il marito reo confesso per gelosia: “Non ci ho più visto e l’ho colpita, poi ho vagato per due giorni”