Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Logistica ma non solo: siglata intesa tra le città di Genova e Milano

Nell'aprile 2019 si terrà a Genova il quinto forum bilaterale tra Italia e Svizzera

Più informazioni su

Genova. Un accordo costruito sulla logistica, e in particolare sui trasporti ferroviari, ma esteso ai temi dell’high tech e del turismo, quello siglato questa mattina tra le città di Genova e di Lugano. Il sindaco del capoluogo ligure Marco Bucci ha incontrato quello della città svizzera, Marco Borradori. Erano presenti anche l’ambasciatore italiano in Svizzera Marco Del Panta e quello della Confederazione Svizzera in Italia Giancarlo Kessler.

“Questa è una giornata importante per un accordo importante, perché logistica e shipping sono tra i vettori di sviluppo per la nostra città, così come l’alta tecnologia e il turismo. Con questo accordo abbiamo intenzione di sviluppare ulteriormente le nostra attività in tal senso e soprattutto, mediante il Terzo Valico, di costruire un asse di trasporto che sarà il fiore all’occhiello dell’Europa del Sud”, ha detto Bucci. “C’è un fil rouge ovviamente, che è quello dei trasporti – aggiunge Borradori – sappiamo che Genova vuole sfruttare le potenzialità del suo porto e per questo occorre un collegamento con il Nord Europa, ovvero le cosiddette trasversali alpine, che hanno molti pregi ma un unico difetto, quello di fermarsi a Lugano”.

“Il nostro obbiettivo – conclude il sindaco ticinese – è arrivare a confine, e grazie alla forza di Genova e dell’Italia potremo accorciare i tempi”. Tra i cantieri da ultimare per avere un asse Genova Rotterdam completo ci sono, da una parte, quello delle gallerie del monte Ceneri, e da parte italiana quelli, appunto, del terzo valico Genova-Milano. Oggi si sono poste le basi anche per il futuro Forum di dialogo tra Italia e Svizzera, il quinto si svolgerà per la prima volta a Genova nell’aprile 2019. “Sarà un modo per tornare a essere una città fulcro dei rapporti internazionali”, afferma Marco Bucci.