Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Lo Yacht Club Italiano primo circolo d’Italia

Otto medaglie conquistate nel grande evento organizzato nelle acque di casa

Genova. Con il successo dei Campionati Italiani Classi Olimpiche, Genova torna ad essere il baricentro della vela nazionale con lo Yacht Club Italiano che si aggiudica il titolo di primo circolo d’Italia e gli atleti YCI che si aggiudicano otto medaglie.

Genova, il suo mare e il suo circolo, che con i suoi 139 anni di storia è il più antico d’Italia, tornano sulla scena sportiva con un serie di ottimi risultati ottenuti agli ultimi campionati italiani delle classi olimpiche. Ricevuta l’assegnazione alla fine dello scorso anno dalla Federazione Italiana Vela, il club genovese in soli due mesi e mezzo ha avviato una poderosa struttura organizzativa che ha visto impegnate istituzioni, Comune e Regione in primis, i 14 circoli velici della zona ed oltre cento addetti che si sono prodigati per la riuscita di un evento così complesso.

Il padiglione di Jean Nouvel, cuore della manifestazione, ha trasformato il CICO genovese in un’inedita edizione indoor, grazie alla possibilità di ricoverare una parte della flotta al suo interno, senza dover disarmare le barche. L’area è diventata il polo multifunzione, con lo spazio docce, gli uffici dei comitati di regata, i punti di ristoro per gli atleti. Tutto concentrato in un’unica sede.

Durante i primi tre giorni di regata, il consorzio panificatori liguri e la Croce Rossa si sono occupati del catering ed hanno preparato oltre 450 chilogrammi di pasta e 100 chilogrammi di sugo per un totale di circa 300 piatti al giorno, oltre ad aver utilizzato 2 quintali di farina per sfornare pizza e focaccia a ciclo continuo. In mare, la gestione dei cinque campi di regata ha necessitato di una regia attenta per via di una gestione piuttosto complessa: con un mezzo di assistenza ogni dieci regatanti, barca comitato, controstarter, posa boe e assistenza, il tutto moltiplicato per cinque.

Oltre 180 atleti da tutta Italia sono tornati a Genova per contendersi il titolo di campione italiano, con la squadra agonistica dello Yacht Club Italiano che ha messo in campo ben 24 ragazzi nelle classi 470 M e F, RS:X M, Laser Standard e Radial.

I nostri ragazzi hanno gareggiato nelle acque di casa – racconta Nicolò Reggio, presidente dello Yacht Club Italiano – ma senza troppi vantaggi, considerato che nei quattro giorni di regate abbiamo dato la partenza ad oltre sessanta regate nelle condizioni più estreme: dai 30 nodi del primo giorno, ai refoli capricciosi del terzo. Le acque di Genova si confermano un campo straordinariamente tecnico e le infrastrutture, come l’area della Fiera di Genova, perfette per l’organizzazione di eventi di questa portata”.

I risultati sono arrivati – gli fa eco il direttore sportivo Riccardo Simoneschi – e abbiamo raccolto ben otto medaglie e vinto la classifica per i club davanti a corazzate del settore come l’Aniene e le Fiamme Gialle. Tutto ciò a conferma del nostro impegno a portare alti i valori dello sport, puntare sui giovani e riportare a Genova grandi eventi sportivi”.

Un grande risultato per gli atleti dello Yacht Club Italiano con Benedetta Di Salle ed Alessandra Dubbini oro nei 470 femminili, seguite a stretta distanza dal binomio Ilaria Paternoster e Bianca Caruso che si sono aggiudicate l’argento. Argento nei 470 maschili anche per Matteo Capurro e Matteo Puppo e bronzo per Mattia Panigoni e Cesare Massa nella stessa classe. Ottimo argento nei Laser Radial per Valentina Balbi che conferma ottime doti e prospettive per il futuro.

Premiati i migliori 15 circoli e associazioni sportive con criteri che vanno dal numero di atleti e dai piazzamenti ottenuti. Il circolo vincitore è stato lo Yacht Club Italiano, seguito dalla Sezione Vela Guardia di Finanza e dal Circolo Canottieri Aniene.

Il CICO 2018 ha ricevuto il patrocinio e il supporto di Regione Liguria, Comune di Genova, Ucina Confindustria Nautica e Croce Rossa Italiana. Le attività a terra e a mare si sono svolte grazie alla collaborazione di Arpal (Agenzia Regionale per la Protezione dell’ambiente ligure), Amiu (Azienda Multiservizi e di Igiene Urbana), Centro Epson Meteo, Ecozema, CBG Convention Bureau Genova, Eprom e Coop Liguria.