Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La Lavagnese impatta con la capolista, ma la Novese si avvicina risultati

Finale di campionato importante per le bianconere che se da un lato escono imbattute contro l'armata fiorentina, dall'altro vedono le piemontesi avvicinarsi a -2. Il Lagaccio torna a vincere, mentre il Ligorna pareggia a Saluzzo

Terz’ultima giornata di campionato della Serie B femminile che vede ormai la Florentia campionessa e che ha certificato la matematica permanenza in cadetteria dell’Arezzo, vittorioso 1-4 con il Romagnano. Il terzo posto in palio se lo stanno disputando da mesi ormai la Lavagnese e la Novese. Le bianconere ottengono un preziosissimo punto contro la corazzata Florentia, imbattuta in questa stagione e con un ruolino di 23 vittorie e 4 pareggi.

Al “Riboli” le levantine giocano una gran partita sfruttando anche il senso di appagamento delle toscane reduci da una settimana di festeggiamenti. Avvio lento con un tiro di Cama che al 10° non inquadra la porta, imitata da Vicchiarello sull’altra sponda. Alla mezzora Cafferata calcia una punizione insidiosa che esce di poco. Nella ripresa si rinnovano i duelli in mezzo al campo che sostanzialmente annulla quasi del tutto le emozioni anche se Mascilli sfiora la rete trovando sulla sua strada Ferrari. Nel finale la Florentia rischia perché Tona perde un pallone facile, Cama recupera, ma il suo tiro è centrale, facile preda del portiere. La Lavagnese esce imbattuta dallo scontro con capolista, ma deve guardarsi ora dal rientro della Novese.

Le piemontesi infatti mandano al tappeto il Molassana Boero per 4-2 e si avvicinano a -2 dalla squadra allenata da mister Morbioni. Le piemontesi passano in vantaggio con il proprio bomber Levis, ma le genovesi riescono a pareggiare con Pozzo che su calcio di rigore impatta e le squadre vanno al riposo sull’1-1. Nella ripresa Zecchino riporta avanti le biancocelesti che poi mettono in sicurezza il parziale con Accoliti. Inutile la rete di Crivelli perché a chiudere la gara è ancora Levis che fissa il 4-2.

Il Ligorna ottiene il secondo risultato utile consecutivo pareggiando contro il Musiello Saluzzo. Resta senza dubbio un po’ di delusione in casa genovese visto che le biancoblù vanno in vantaggio prima con Fracas e poi con Simosis, ma in entrambi i casi vengono raggiunte dalle piemontesi con Pasero e Arnaudo. Il Ligorna allunga comunque sulla Lucchese, travolta dal Perugia. 

Torna a fare punti l’Amicizia Lagaccio che contro il fanalino di coda Pisa si impone di misura in una partita tutt’altro che semplice nonostante il divario in classifica fra le due squadre. Le toscane passano in vantaggio alla prima folata offensiva per una sfortunata autorete di Piazzi. Due minuti dopo, però arriva la reazione di Toomey che pareggia. Bosso sul finale di primo tempo poi trova il gol del sorpasso che sembra segnare il passo. Ma nel secondo tempo le locali spingono molto e trovano il gol di Casarosa. Quando la gara sembra decisa sul 2-2, Armitano piazza la zampata che le consente di imporsi per 3-2. La vittoria consente quindi alle lagaccine di agganciare il Molassana a quota 27 punti.