Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Giustizia, a Chiavari inaugurato il primo sportello di prossimità: cos’è e perché vi sarà utile

Serviranno a dare informazioni ai cittadini sui procedimenti, fornire e raccogliere moduli in maniera più semplice e rapida

Genova. Inaugurato a Chiavari, alla presenza tra gli altri del ministro di Grazia e Giustizia Andrea Orlando, della vicepresidente di Regione Liguria Sonia Viale e del sindaco di Chiavari Marco Di Capua, lo sportello di prossimità, primo sportello unico a livello nazionale per integrazione servizi giustizia con servizi sociali e sociosanitari.

In una prima fase è prevista la delocalizzazione delle funzioni giudiziarie che non prevedono il supporto di un legale (amministrazioni di sostegno e autorizzazioni relative a minori) e che trovano collegamenti con le attività sociosanitarie, permettendo ai cittadini di avere un unico punto di contatto vicino al luogo in cui vivono, e di disporre di un servizio completo ed integrato di orientamento e di consulenza.

“Gli sportelli di prossimità serviranno a dare informazioni ai cittadini sui procedimenti, fornire e raccogliere moduli, dare supporto nella predisposizione di atti, depositare telematicamente atti giudiziari, ricevere comunicazioni e notificazioni di cancelleria. Erogheranno servizi importanti per cittadini e professionisti – ha spiegato il ministro Orlando – saranno realizzati con fondi europei in via sperimentale in tre regioni, Piemonte, Liguria e Toscana, per poi essere estesi a tutte le regioni toccando i territori più disagiati, perché hanno vissuto la soppressione di sedi giudiziarie, e le aree urbane più popolate. Un modo, anche questo per realizzare un servizio giustizia più efficiente, prossimo ai cittadini, innovativo e rapido”.

Gli assistenti sociali impiegati nelle attività dello sportello svolgeranno inoltre l’attività di segretariato sociale fornendo accoglienza, informazione ed orientamento ai servizi alla persona del territorio, in rete ed in collegamento con i servizi sociali, sociosanitari e sanitari.

“La Liguria – ha aggiunto l’assessore regionale alla Sanità Sonia Viale – è una delle tre regioni individuate dal ministero per avviare l’iniziativa: questo Sportello anticipa il progetto nazionale (PON Governance) e, al contempo, presenta alcune caratteristiche innovative che lo rendono unico a livello nazionale, integrando i servizi della giustizia con i servizi sociali e sociosanitari del territorio erogati da Asl, Comuni e Terzo Settore. Questo processo sarà agevolato anche dalla creazione di una infrastruttura informatica ad hoc per la semplificazione delle procedure consentendo, ad esempio, la trasmissione telematica di ricorsi, istanze, valutazioni sociali e sociosanitarie, allegati, rendiconti ai Tribunali da parte degli Uffici di Prossimità, di singoli cittadini, di amministratori di sostegno o operatori dei
servizi sociosanitari”.