Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Entella, scontro salvezza con l’Ascoli. Troiano: “È la partita più importante” risultati

Appuntamento alle ore 15 a Chiavari

Chiavari. Domani, martedì 1 maggio, alle ore 15, a Chiavari, per il 39° turno del campionato di Serie B, si affronteranno Virtus Entella ed Ascoli.

La partita sarà arbitrata da Riccardo Pinzani della sezione di Empoli, coadiuvato dagli assistenti Mauro Galetto (Rovigo) e Vito Mastrodonato (Molfetta) e dal quarto ufficiale Lorenzo Illuzzi (Molfetta).

Alla vigilia della partita parla Michele Troiano. “Non è una partita qualunque: questa qua è la partita – dichiara -. È quella più importante che abbiamo da qua alla fine perché è uno scontro diretto, in casa nostra, e ci permetterebbe di respirare un po’ per le ultime tre, quindi dobbiamo assolutamente scendere in campo e cercare di vincerla. Non ci sono vecchi e giovani: c’è l’Entella. Servirà l’apporto di tutti, servirà il sostegno della nostra gente perché con la Pro Vercelli abbiamo visto quanto sono stati importanti quando siamo andati sotto e ci hanno dato una grande mano, quindi speriamo tutti insieme di fare una grande partita e di ottenere un grande risultato“.

Servirà fare un ottimo finale di campionato per restare in Serie B. “È l’obiettivo primario di tutti quello di mantenere la categoria e passa dalla partita di domani – spiega il capitano -, perché noi domani vincendo abbiamo veramente la possibilità di respirare un pochino. Poi ci aspetteranno altre tre finali però domani è quella più importante. Dopo la partita col Bari c’era grande delusione da parte di tutti perché un pareggio era alla nostra portata; peccato perché abbiamo preso un grandissimo gol e quest’anno purtroppo non è il primo. Però speriamo che i jolly contro di noi se li sono giocati tutti e adesso magari iniziamo a giocarcene qualcuno noi“.

Domani è la prima di quattro finali che ci aspettano – conclude Troiano -. Non facciamo calcoli, non guardiamo gli altri. Pensiamo che se noi facciamo risultato domani le altre storceranno un po’ il naso, quindi noi pensiamo solo a noi stessi”.