Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

“Diritto di respirare”, il 15 maggio cittadini di San Teodoro in piazza contro i fumi in porto

Insieme ad alcune associazioni ambientaliste hanno organizzato un presidio davanti alla Stazione marittima per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'annosa questione

Più informazioni su

Genova. Perché la compagnia Moby in Corsica (Francia) utilizza carburante a basso contenuto di zolfo avvicinandosi alla costa mentre la stessa compagnia (con le stesse navi) quando sono attracca in porto a Genova non si pone minimamente il problema dei fumi che rilascia nell’aria? E’ uno degli interrogativi che i cittadini di San Teodoro, a Genova, non hanno più voglia di porsi, estenuati dal problema della qualità dell’aria che respirano.

Per questo – per respirare un’aria migliore – i comitati di San Teodoro, insieme ad altre associazioni ambientaliste, il 15 maggio scenderanno in piazza con un presidio a partire dalle 17e30 davanti alla stazione Marittima. La manifestazione sarà preceduta nei prossimi giorni da una serie di volantinaggi e ha (anche) lo scopo di raccogliere altre firme rispetto alle 1500 già messe insieme in alcune precedenti iniziative.

Non vogliamo che il traffico portuale diminuisca – sottolinea Giacomo Pollarolo, uno degli esponenti del comitato organizzatore – l’economia portuale può essere una risorsa per tutti e speriamo, anzi, che sia implementata, ma chiediamo che il traffico sia qualitativamente migliore. Chiediamo che le autorità inizino a fare pressioni sulle compagnie affinché investano in ecosostenibilità e innovazione”.

E’ un problema di legislazione. “In Italia la normativa non è stringente e così i regolamenti si stilano a livello locale – continua Pollarolo – a Genova arrivano navi che a Livorno non potrebbero entrare in porto, per non parlare di scali come quelli del Nord Europa dove i limiti sono estremamente più restrittivi”.

Il comitato di cittadini di San Teodoro è preoccupato per l’arrivo della “bella stagione” che rappresenta, per loro, un numero più alto di traghetti fermi in banchina, a motori accesi e lo spostamento dei fumi dovuto alle brezze da sud. “Non siamo a Rotterdam dove il porto è a 20 chilometri dai centri abitati, qui si tratta di poche centinaia di metri in linea d’aria e la cosa preoccupante è che molti residenti non hanno alcuna consapevolezza sulle sostanze che respirano”.

La manifestazione del 15 ha anche l’obbiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica. “Con le autorità abbiamo già parlato tante volte – dicono dal comitato – autorità portuale, Comune e Regione, capitaneria, ma è importante che ci sia una forte mobilitazione del territorio”.