Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Dalla Regione progetto di legge per la rigenerazione urbana: si punta all’equilibrio tra costruito e natura

Oltre il 40% delle circa 450 mila abitazioni presenti in Liguria risalgono al periodo tra il 1946 ed il 1971, mentre la percentuale boscata della nostra Regione è passata dal 54% del 1986 al 75% del 2012

Genova. Prenderà avvio lunedì 9 aprile a Savona, per toccare poi tutte le province liguri, la serie di incontri organizzati dall’assessore all’Urbanistica Marco Scajola per illustrare a enti locali, associazioni di categoria e professionisti un progetto di legge sulla rigenerazione urbana e il recupero del territorio agricolo.

L’assessorato all’Urbanistica della Regione Liguria sta predisponendo un disegno di legge volto appunto ad affrontare due dei fenomeni territoriali più attuali: l’invecchiamento delle città – con particolare riferimento a quelle porzioni costruite nei primi decenni del dopoguerra -, e il progressivo abbandono delle aree agricole e dei borghi storici.

Oltre il 40% delle circa 450 mila abitazioni presenti in Liguria risalgono al periodo tra il 1946 ed il 1971, mentre la percentuale boscata della nostra Regione è passata dal 54% del 1986 al 75% del 2012.

La strategia che la Regione intende perseguire prevede un ruolo centrale dei comuni, che potranno individuare le aree urbane degradate da rigenerare, le aree recuperabili all’uso agricolo e i borghi abbandonati da rivitalizzare.

“Il tema dell’abbandono del territorio agricolo – dice Scajola – ha assunto dimensioni preoccupanti e a questo proposito intendo ringraziare l’assessore all’Agricoltura Stefano Mai e i suoi uffici, che collaborano strettamente con noi. Ancora una volta intendiamo aprire un confronto con il territorio, i comuni, le associazioni di categoria e i professionisti, raccogliendo da tutti proposte ed osservazioni”.