Il Comune di Genova concede il patrocinio a Bibbia Expo, ed è ancora polemica - Genova 24
Tormentone

Il Comune di Genova concede il patrocinio a Bibbia Expo, ed è ancora polemica

"Evento culturale e non divisivo", dice l'assessore Elisa Serafini. Sullo sfondo il no agli organizzatori del Liguria Pride (ma le cose potrebbero cambiare)

Bruco, il degrado del fratello minore

Genova. Forse in futuro il Comune di Genova riuscirà a stilare un elenco piuttosto schematico e chiaro su quali siano le iniziative per cui si potrà concedere un patrocinio, e quali no. (Ieri la proposta di definire preventivamente la natura degli eventi è stata oggetto di un ordine del giorno approvato all’unanimità). Per ora, però, bisogna continuare a fare i conti con polemiche, di vario tenore, come quelle riguardo il Liguria pride (e altre iniziative contro l’omofobia) o il Ramo d’Oro (circolo culturale vicino a Casapound).

L’ultimo caso riguarda “Bibbia Expo, viaggio nella storia e nella cultura della Bibbia”, una mostra – gratuita – che si svolgerà dal 19 al 25 aprile in piazza Caricamento sotto una tensostruttura e che sarà – come si legge nella locandina di presentazione – patrocinata dal Comune di Genova. All’inaugurazione, oltre ad autorità religiose, parteciperà l’assessore alla Cultura Elisa Serafini.

L’evento è organizzato a seguito del quinto centenario della riforma protestante dall’Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del settimo giorno, in collaborazione con la società biblica in Italia. La mostra è stata presentata già in altre città – Roma, Milano, Altamura – senza però il patrocinio dei rispettivi comuni.

color vibe alassio

Sui social network il tam tam è già iniziato. Il senso di molti interventi è semplice: perché il Comune non ha concesso il patrocinio al gay pride perché divisivo, è invece concede il patrocinio a un’iniziativa organizzata da un movimento religioso? Cosa dovrebbero pensare i fedeli di altre religioni? O gli atei?

La risposta prova a darla l’assessore Serafini che senza sostituirsi al Gabinetto del sindaco (la struttura che decide se concedere il patrocinio o no) spiega che: “Il discrimine è se un’iniziativa sia divisiva o offensiva, in questo caso si parla di un evento culturale”. Il Comune ha patrocinato anche eventi organizzati dalla comunità induista e dai Bahai, una minoranza religiosa iraniana.

Anche Eugen Havresciuc, il pastore della Chiesa cristiana avventista del settimo giorno a Genova, nonché tra i gli organizzatori della mostra, prova a spiegare perché Bibbia Expo non sia un evento “divisivo”: “La Bibbia ha ispirato la cultura e l’arte di molti popoli – dice – il corano contiene diverse parti della bibbia ebraica. Quindi questo libro potrebbe essere usato per avvicinare ebrei, cristiani e musulmani, se inteso come un patrimonio comune a cui tutti attingiamo, dono all’umanità e non patrimonio di una religione o confessione religiosa”. Insomma non un’occasione di scontro, ma di dialogo: nei diversi stand espositivi saranno in mostra versioni antiche della Bibbia e alcuni diorami, ma anche una riproduzione in miniatura degli arredi dell’antico Tempio di Gerusalemme, quella della moschea di Omar.

Resta un interrogativo. Se al Liguria Pride è stato negato il patrocinio perché “offensivo oltre che divisivo” (il sindaco ancora recentemente ha fatto riferimento a lamentele espresse da alcuni cittadini su alcuni costumi provocatori visti sfilare al corteo della scorsa estate), perché non concedere invece il patrocinio a un evento sicuramente non offensivo né divisivo come la ColorataCena, il 17 maggio, in occasione della giornata mondiale contro la transfobia? Venerdì ci sarà un nuovo incontro tra il primo cittadino e il coordinamento Liguria Pride: non è escluso possano esserci dei dietrofront da parte dell’amministrazione comunale.

leggi anche
liguriapride2016
La proposta
Il sindaco mette sotto esame il gay pride: “Se a giugno sarà una manifestazione civile valuteremo futuro patrocinio”
Bruco, il degrado del fratello minore
La polemica
Sala e patrocinio al Ramo d’Oro, la comunità ebraica: “Ha posizioni revisioniste vicine a fascismo”. Stamattina la decisione del municipio Medio levante
Bruco, il degrado del fratello minore
L'attacco
Sala al Ramo d’Oro, il coordinamento Liguria Rainbow: “La coerenza liberale non regge alla prova dei fatti”
elisa serafini
La decisione
Niente sala pubblica né patrocinio per l’evento del Ramo D’Oro : l’assessore Serafini impone la revoca al municipio Medio Levante
arcobaleno in sala rossa
Patrocinio negato
Gay Pride, la Giunta: “Una scelta del Gabinetto”. M5s: “Il sindaco più ignorante degli ultimi anni”
marco bucci
Polemica
Gay Pride, Bucci risponde agli organizzatori: “Da noi nessuna censura, difendiamo libertà di tutti”