Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Commemorazione di Salò a Staglieno, Pd a Tursi: “Per Bucci i morti sono tutti uguali? Lo dica ai partigiani sopravvissuti”

Ancora critiche sulla partecipazione di un esponente della giunta all'iniziativa organizzata dai familiari dei caduti della Repubblica Sociale Italiana

Genova. “A distanza di quattro giorni, la giunta Bucci riesce a onorare sia i martiri della Resistenza sia i repubblichini di Salò. E lo fa perché sostiene che i morti sono tutti uguali, tutti caduti in nome dei propri ideali e quindi meritevoli di pari riconoscimento da parte delle istituzioni”, il gruppo del Partito Democratico in consiglio comunale va all’attacco della maggioranza dopo la partecipazione, ieri, a Staglieno del consigliere delegato Sergio Gambino, con tanto di fascia tricolore di rappresentanza, alla commemorazione dei caduti e dei dispersi della Repubblica sociale italiana.

“Marco Bucci il 25 aprile era in corteo e sul palco in piazza Matteotti non per onorare dei morti in quanto morti, ma per ricordare il sacrificio di chi ha donato la propria vita per restituire democrazia e libertà al Paese e alla nostra città – affermano i Dem a palazzo Tursi – quando è stato fischiato nel corso del suo intervento, è stato il presidente genovese dell’Anpi Massimo Bisca, a chiedere alla folla rispetto per il sindaco. Rispetto che il sindaco dimostra invece di non possedere per i morti genovesi nella lotta di Liberazione: per i partigiani, i deportati, i civili caduti sotto l’oppressione nazifascista”.

Secondo il Pd, “Il rispetto per i morti deve valere per tutti, ma questo non significa rinnegare la nostra storia e i valori antifascisti della nostra Costituzione. Vada il sindaco Bucci a dirlo a uno di quei partigiani ancora tra noi e che portano nel cuore e negli occhi i segni e le cicatrici di quei sacrifici, di quella che fu una scelta di onore, ma non certo facile e scontata”.