Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Abbandono rifiuti ingombranti, altri due sanzioni in corso Perrone grazie alle telecamere

Sanzionati con 600 euro di ammenda due uomini, un italiano e un pachistano

Genova. Individuati grazie ai filmati delle telecamere dagli uomini della sezione Ambiente della Pg della polizia municipale, sono stati convocati nella sede del Reparto, in piazzale Ortiz, e, a seguito dei filmati e del materiale fotografico che li ritraeva mentre mettevano in atto la discarica, hanno confessato.

Nel primo caso, un italiano di 36 anni, residente a Borzonasca, ha ammesso di aver usato, il 25 marzo scorso, l’autocarro dell’azienda di un conoscente, il quale, visto che era domenica e quindi non gli sarebbe servito, glielo aveva prestato ignaro dell’uso che volesse farne.

Un altro episodio era avvenuto il 24 marzo. A scaricare dal suo autocarro materiale ingombrante in corso Perrone era stato un trentunenne pachistano in regola col permesso di soggiorno e residente a Genova. Anche lui ha ammesso l’abbandono di vecchia mobilia e materiali di risulta.

“Procede il percorso intrapreso insieme al collega responsabile dell’Ambiente e di Amiu Matteo Campora per stringere il cerchio attorno a quelli che abitualmente gettano rifiuti ingombranti in discariche abusive o in mezzo alla strada – dice l’assessore alla Sicurezza Stefano Garassino. L’obiettivo è quello di fare sentire il pressing dell’amministrazione su coloro che mettono in atto comportamenti incivili. Le sanzioni, piuttosto salate, servono come deterrente. Esistono le isole ecologiche destinate a raccogliere vecchi mobili e materiali di risulta e i cittadini possono depositare liberamente e gratuitamente in quelle sedi. Certo è che ci sono persone che fanno sgomberi per mestiere e che, dopo diversi conferimenti, vengono chiamati al pagamento come tutte le aziende e per questo preferiscono abbandonare i materiali per strada. Dietro a questo fenomeno ci sono evasione delle tasse e sfruttamento del lavoro nero, illegalità concrete che mettono a rischio anche la sicurezza di chi viene usato e, magari, pagato pochi spiccioli per sgomberare case e cantine. Questa amministrazione è per la legalità a 360 gradi e lo vuole dimostrare anche attraverso queste azioni”.

L’assessore Garassino sottolinea la collaborazione tra il reparto della polizia giudiziaria della Municipale e gli ispettori di Amiu, sinergia grazie alla quale già tanti responsabili di discarica abusiva di materiali ingombranti sono stati multati.