Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

I 7 milioni promessi a Multedo? Potrebbero essere già diventati 3. Almeno per ora

Un'interrogazione in consiglio regionale di Giovanni Lunardon Pd porta la vicepresidente Viale a chiarire: "Variazione di bilancio non include interventi sul quartiere". Ne aveva parlato un assessore della giunta Bucci

Genova. Ricordate i 7 milioni per Multedo? Quelli che il sindaco Marco Bucci aveva promesso al quartiere, in termini di investimenti e riqualificazione, il 18 ottobre 2017, per rincuorare i cittadini nei giorni complessi dell’arrivo dei migranti all’ex asilo Contessa Govone. Per chiedersi che fine abbiano fatto, quei soldi, c’è persino chi ha creato una pagina Facebook sarcastica (ne abbiamo parlato abbondantemente qui).

Il problema è che i 7 milioni sarebbero già diventati 3. Perché 4 mancanti, che qualcuno pensava potessero arrivare dalla Regione Liguria, dalla Regione non arriveranno. Almeno non nel 2018, né nel 2019. A tornare sull’argomento, durante l’ultimo consiglio regionale, è stato il consigliere Pd Giovanni Lunardon, con un’interrogazione a cui ha risposto la vicepresidente Sonia Viale.

Il consigliere di minoranza ha chiesto se fosse che il Comune di Genova aveva fatto pervenire una richiesta di finanziamento per interventi sugli spazi pubblici e sulla piscina di Multedo e se la Regione avesse stanziato, e dal quale capitolo, 4 milioni a fondo perduto. Sonia Viale ha escluso che siano state finora prese decisioni in merito con l’ultima variazione di bilancio.

Ma quindi la suggestione che fosse l’ente governato da Giovanni Toti a coprire oltre la metà della spesa annunciata dal Comune, da dove arrivava? “Dal fatto che alcuni consiglieri in municipio – spiega Lunardon – avessero inviato un’interpellanza sui 7 milioni all’assessore ai Lavori pubblici Paolo Fanghella e lui, con risposta scritta pervenuta il 31 gennaio 2018, aveva annunciato che i soldi sarebbero arrivati dalla Regione”.

Qualche cosa, ad un certo punto, deve essersi effettivamente mosso sull’asse tra palazzo Tursi e De Ferrari, perché anche Sonia Viale, rispondendo all’interrogazione del Pd, ha ricordato sia come il 12 dicembre 2017 il Comune avesse segnalato la necessità di finanziare vari interventi di riqualificazione nelle periferie, per un importo di 29,5 milioni complessivo, e poi di come il tema Multedo fosse stato ulteriormente toccato (ma senza che poi si definissero finanziamenti) il 19 gennaio in una seduta del Comitato di indirizzo del fondo strategico.

Alla riunione dell’organismo, che comprende assessori e tecnici della Regione, creato e voluto dalla giunta Toti per definire le priorità da finanziare (e che in quell’occasione, per esempio, aveva inserito in bilancio 1,5 milioni per la riqualificazione dei parchi di Nervi in vista di Euroflora), avrebbe partecipato, per elencare le necessità genovesi, anche il sindaco Marco Bucci.

E quindi addio 7 milioni? Addio 4? Forse solo “arrivederci”, secondo Sonia Viale. “Non sono state prese decisioni sugli stanziamenti a tale scopo nell’ambito del fondo strategico regionale 2018. Ulteriori richieste da parte del Comune di Genova saranno valutate nell’ambito delle disponibilità di bilancio e del fondo strategico nel prosieguo”.

Il problema è che, nonostante fosse stato chiarito da settimane, anche dal Comune stesso che per il futuro della piscina di Multedo non ci sarebbe stato un rilancio, non si era mai capito chiaramente che nel conteggio dei 7 milioni di euro, 4 sarebbero arrivati dalla Regione. Sempre che.