Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Valpolcevera, domenica torna la Fiera di San Giuseppe. Oltre 250 banchi, tra animali, gastronomia e tradizione

Le strade interessate alla manifestazione fieristica sono: via Bolzaneto, via Zamperini, via Bettini, via Bonghi, via Doria, via Asolone, via Pasubio, piazza Savi, piazza Livraghi, piazza Rissotto

Genova. Domenica 18 marzo, in Valpolcevera, si svolgerà una delle principali manifestazioni fieristiche cittadine, la tradizionale Fiera di San Giuseppe, con 250 banchi di operatori commerciali ambulanti, tra i quali alcuni rivenditori di animali da cortile, a testimonianza dell’antico legame della sagra con le antiche origini contadine della valle.

Le strade interessate alla manifestazione fieristica sono: via Bolzaneto, via Zamperini, via Bettini, via Bonghi, via Doria, via Asolone, via Pasubio, piazza Savi, piazza Livraghi, piazza Rissotto. In queste aree la viabilità e la sosta saranno interdette dalle ore 00,00 alle ore 24,00 di domenica 18 marzo.

In via Giro del Vento, nel tratto compreso, tra via Bolzaneto e via Reta, verrà istituito il doppio senso di circolazione. Nella zona adiacente a via Pasubio, staccata dall’area principale della manifestazione, sono stati organizzati 4 posteggi riservati agli allevatori di animali da cortile.

La sagra ospita: 10 banchi di produttori di piante (coltivatori diretti e vivaisti), 6 banchi di produttori di formaggi e salumi, 3 banchi di produttori di miele, 20 banchi alimentari e 211 banchi di merci varie.

La Fiera di San Giuseppe è la principale manifestazione commerciale in suolo pubblico del Municipio V Valpolcevera. Venne istituita nel 1878 e si svolgeva su tre giorni. A riprova delle tradizioni contadine sono ancora presenti rivenditori di animali da cortile, principalmente pulcini, polli, tacchini, conigli e suini. Sino agli anni ’60 era ancora forte la vendita degli animali da stalla e da soma. La Fiera di San Giuseppe rappresenta anche un’occasione per ricordare la categoria dei mulattieri, che contribuì in maniera significativa allo sviluppo agricolo e commerciale della Valpolcevera.

“L’appuntamento con la Fiera di San Giuseppe rappresenta un momento fortemente sentito non soltanto dalla popolazione della Valpolcevera, ma da tutta la città. – dichiara l’assessore al turismo, commercio e artigianato Paola Bordilli – Le fiere fanno parte delle nostre tradizioni e riappropriarci delle nostre radici costituisce una fonte inesauribile di identità per orientarci nel presente”.

L’Assessorato al Commercio posizionerà un totem informativo in piazza Rissotto con la storia della Fiera e informazioni utili per i visitatori. L’iniziativa era stata inaugurata in occasione di un’altra fiera – quella di Sant’Agata – dalla forte tradizione popolare.