Il commento

Terzo Valico, il governatore ligure Toti gela il M5S: “Hanno i numeri, ma non potranno fermare lo sviluppo”

Genova. “Escludo che qualsiasi governo possa fermare un’opera strategica per l’Italia come il Terzo Valico ferroviario. Il M5S ha voti importanti in parlamento ma non sufficienti a cambiare il modello di sviluppo del nostro Paese”. Lo ha affermato il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti oggi pomeriggio a Genova con il sindaco Marco Bucci per ricevere una copia della raccolta firme sottoscritta da 6.649 persone sulla piattaforma change.org a sostegno della costruzione dell’alta velocità ferroviaria Genova-Milano.

“Il Terzo Valico è un’opera già quasi interamente finanziata su cui c’è poco da parlare, ma molto da scavare, bisogna farla in fretta. Ben venga la mobilitazione della società civile – ha detto ancora Toti – E’ un’opera fondamentale per la Liguria per Genova e per il Paese, un corridoio ferroviario che unisce il sistema portuale più importante d’Italia con la Pianura Padana e il Centro dell’Europa e’ un’infrastruttura strategica già finanziata che nessuno può mettere in discussione”.

“La raccolta firme dimostra che i cittadini sono interessati allo sviluppo di Genova, condividono la nostra visione di costruire una grande città – ha detto il sindaco Bucci – le infrastrutture sono una componente fondamentale, andare da Genova a Milano in 45 minuti è centrale. Non penso che qualcuno abbia il coraggio di fermare il progetto del Terzo Valico – ha concluso Bucci -, le decisioni ormai sono state prese, come sulla Gronda autostradale di Ponente”.

leggi anche
  • Iniziativa
    Terzo valico, 7 mila firme in 7 giorni per dire sì all’opera
  • Grande opera
    Terzo Valico, passa la mozione “pro” in consiglio comunale: prove di larghe intese tra centrosinistra e centrodestra
  • L'attacco
    Terzo Valico, Alice Salvatore: “Possiamo ancora fermare lo scempio e intervenire su altre linee”
  • Governo cercasi
    Accordo “legastellato”, la parola alla base: on line per il M5S, gazebo per la Lega. Ma la Liguria “trema” su Ilva e Terzo valico