Serie a1

Pro Recco col cuore: alla Manara gioia nel finalerisultati

I biancocelesti espugnano Busto Arsizio con un gol a 22 secondi dalla sirena

Recco. Un grande cuore permette alla Pro Recco di espugnare la Manara di Busto Arsizio con una prodezza di Ivovic a 22 secondi dalla sirena: i biancocelesti sconfiggono così 7-8 la Sport Management seconda in classifica, ipotecando il primo posto.

Partenza sprint dei padroni di casa che passano in vantaggio alla prima azione offensiva con la combinazione tra ex, Luongo e Di Somma. La squadra di mister Vujasinovic ci prova con i mancini, Echenique e Filipovic, ma a segnare è l’altro ex biancoceleste, Figlioli, che da posizione tre trova il raddoppio con Gitto nel pozzetto. La capolista accorcia con l’incursione di Molina, ma sulla seconda superiorità Lazovic è lesto nel togliere dalla rete un tap-in di Figari salvando così il 2-1 che chiude il primo quarto.

Nel secondo tempo Drasovic riporta i suoi sul più 2 con un destro da sette metri che fulmina Tempesti dopo 130 secondi. La Pro Recco si aggrappa a Molina che da posizione cinque, con l’uomo in più, infila il numero 1 avversario con uno splendido diagonale. A un minuto e 40 secondi dal cambio campo la Pro Recco pareggia i conti con Echenique. Spettacolo nel finale: botta e risposta tra Luongo, da posizione cinque con Ivovic nel pozzetto, e Di Fulvio, magistrale alzo e tiro. Poi è l’avanzata di Bodegas, con diagonale perfetto, a portare avanti la Pro Recco per la prima volta nel match e a chiudere così il secondo quarto sul 4-5.

Si riparte e la Sport Management fa 5-5 con Drasovic in superiorità dopo tre minuti di gioco. La Pro Recco invece spreca due azioni con l’uomo in più. Tempesti si salva con l’aiuto della traversa e sul ribaltamento di fronte Echenique serve Ivovic che batte Lazovic sul palo corto per il nuovo vantaggio biancoceleste. Partita palpitante e pareggio di Luongo che arriva ancora da posizione cinque con l’uomo in più a pochi secondi dalla sirena.

Equilibrio che si spezza di nuovo dopo 2 minuti e 50 secondi dell’ultimo tempo: è Figlioli dalla distanza a beffare Tempesti. La Pro Recco getta l’ennesima superiorità al vento, poi ci pensa Bodegas a meno di tre minuti dal termine a siglare il 7 a 7. Match sul filo dei nervi, Lazovic mura il tentativo di Molina, Baldineti chiama il time-out e Drasovic prova la palombella che si stampa sulla traversa. E allora a 22 secondi dalla sirena ecco l’alzo e tiro di Ivovic per il sorpasso definitivo che gela la Manara.

Responsabilità e personalità, quella che hanno i campioni, quella di Ivovic che ha scaraventato in rete l’ultimo pallone utile per vincere. Il montenegrino ha sciorinato la solita grande gara, in marcatura e in fase offensiva. Il suo alzo e tiro ha reso positiva la trasferta di Busto Arsizio. “Abbiamo faticato sul piano fisico perché siamo reduci da una finale molto tirata disputata appena tre giorni fa – osserva Aleksandar Ivovic (nella foto) a fine gara -. Loro in casa sono una squadra diversa rispetto a quando giocano in trasferta, sono molto più aggressivi e tutte le squadre vanno in difficoltà. Però la nostra qualità e la nostra classe hanno deciso il match“.

Il tabellino:
Bpm Sport Management – Pro Recco 7-8
(Parziali: 2-1, 2-4, 2-1, 1-2)
Bpm Sport Management: Lazovic, E. Di Somma 1, Blary, Figlioli 2, Fondelli, A. Petkovic, Drasovic 2, Gallo, Mirarchi, S. Luongo 2, Baraldi, Valentino, Nicosia. All. Baldineti.
Pro Recco: Tempesti, F. Di Fulvio 1, E. Caliogna, Bruni, Molina 2, Bodegas 2, A. Ivovic 2, Echenique, Figari, F. Filipovic 1, Aicardi, N. Gitto, Volarevic. All. Vujasinovic.
Arbitri: Colombo e Carmignani.
Note. Uscito per limite di falli Molina nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Sport Management 4 su 9, Pro Recco 1 su 7.