Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il Milan passa all’ultimo secondo, Genoa beffato risultati fotogallery

Dopo una partita molto equilibrata, i rossoblù si concedono una distrazione all'ultimo minuto

Genova. Una beffa. All’ultimo secondo di recupero André Silva, subentrato nella ripresa, regala al Milan i tre punti di una partita che il Genoa aveva giocato in modo equilibrato e senza mai andare troppo in crisi. Il Milan è riuscito a uscire dal guscio solo quando il Genoa ha sostituito (forse con un po’ di leggerezza) Galabinov e Pandev, che avevano il pregio di tener palla e impedire di giocare con tranquillità alla difesa rossonera, mentre Lapadula mostra ancora di essere molto disordinato e poco utile alla squadra.

Un minuto di silenzio atipico, con la voce di Lucio Dalla (“Le rondini”) e le immagini di Davide Astori che scorrono sui maxi schermi, giocatori abbracciati, senza divisione di squadra. Occhi lucidi in campo e sugli spalti per ricordare il capitano della Fiorentina, scomparso domenica scorsa.

Genoa schierato con la coppia Pandev-Galabinov e Lazovic esterno destro. In mezzo al campo Rigoni con Hiljemark e Bertolacci.

Poche emozioni

L’avvio è del Milan, in rapida successione all’8′ e al 9′ i rossoneri (stasera in maglia bianca) provano il tiro: prima Bonaventura, con un piattone che termina alto, poi Kalinic, con una girata, trova un Perin reattivo che para a terra in due tempi. Lazovic, dopo aver sofferto nei primi minuti le scorribande di Calhanoglu e Rodriguez, prende coraggio e, insieme a Laxalt dall’altro lato, dà il via alle ripartenze rossoblù che tengono il Milan in apprensione. Quando però il Genoa fa possesso palla con la squadra di Gattuso schierata, non riesce a trovare la chiave per scardinare la difesa.

Il primo tempo non brilla per emozioni, l’unica occasione vera per il Genoa è al 25′: cross insidioso di Laxalt, Galabinov non arriva all’appuntamento col pallone in scivolata nell’area piccola. Sempre Galabinov non centra la porta di testa al 39′, mentre sull’altro fronte, prima Spolli devia in angolo un tiro di Calhanoglu (42′) e dal corner scaturisce l’azione del gol, subito annullato per fuorigioco, di Bonaventura, dopo che Kessiè, oltre la linea dei difensori, era riuscito nell’impresa di non insaccare a meno di un metro dalla porta.

Var e gol che gela lo stadio

La ripresa sembra più vivace: ci prova subito Pandev, con un sinistro che non crea troppi problemi a Donnarumma, poi il var annulla la rete di Rigoni, in sospetto fuorigioco: il centrocampista di testa aveva insaccato su calcio piazzato di Hiljemark (53′). Era regolare invece la posizione di Zukanovic, che si mangia il vantaggio indirizzando fuori il suo colpo di testa (57′).

Girandola di cambi (dentro Cutrone, Silva e Calabria per il Milan, Omeonga, Lapadula e Bessa per il Genoa), ma il risultato non cambia. Anche le occasioni diventano più rarefatte, ormai la partita sembra destinata a finire in pareggio. Una punizione di Suso, mai in partita, si spegne non troppo distante dall’incrocio dei pali all’80’. Il pubblico sponda rossoblù si infiamma per un mancato fischio di Fabbri per un intervento su Laxalt, Perinetti praticamente si autoespelle e raggiunge anzitempo gli spogliatoi. Sul colpo di testa di Lapadula fuori misura in pieno recupero, si spengono le speranze di fare il colpaccio per il Genoa, è quello che riesce al Milan a pochi secondi dal fischio finale: cross di Suso, André Silva anticipa Spolli di testa e regala la vittoria ai suoi. Il Genoa esce comunque tra gli applausi della Nord.

Genoa-Milan 0-1

94′ André Silva

Genoa: Perin, Biraschi, Spolli, Zukanovic, Lazovic, Rigoni (74′ Omeonga), Bertolacci, Hiljemark, Laxalt, Galabinov (75′ Lapadula), Pandev (81′ Bessa).

A disposizione: Lamanna, Zima, Rossettini, El Yamiq, Migliore, Rosi, Bessa, Pereira, Medeiros, Rossi.

Allenatore: Ballardini

Milan: G. Donnarumma, Borini, Bonucci, Romagnoli, Rodriguez, Kessié, Biglia, Bonaventura (79′ Calabria), Suso, Kalinic (60′ Cutrone), Calhanoglu (68′ André Silva).

A disposizione: Storari, A. Donnarumma, Calabria, Mauri, Gomez, Zapata, Montolivo, Musacchio, Antonelli, Locatelli.

Allenatore: Gattuso

Arbitro: Fabbri di Ravenna

Ammoniti: Bertolacci (G)