Lavori in corso

Metropolitana, al via i lavori per renderla più accessibile: nuovi percorsi ‘tattili’ nelle 8 stazioni

Il costo dell'intervento è di 120 mila euro, il progetto studiato insieme all'associazione italiana ciechi

Genova. La metropolitana divente più accessibile: è questo l’obiettivo degli interventi di rifacimento e adeguamento dei percorsi tattili programmati all’interno delle otto stazioni. I lavori, iniziati in questi giorni dalla stazione di San Giorgio, renderanno ancora più accessibile la metro alle persone ipovedenti e non vedenti agevolandone gli spostamenti e l’orientamento all’interno della sotterranea genovese.

Un progetto importante, condiviso con l’Unione Italiana Ciechi, che si è concretizzato grazie al contributo del Comune di Genova che ha stanziato circa 120 mila euro per gli interventi. Con l’esecuzione dei lavori sarà possibile rendere uniforme il sistema dei percorsi tattili in tutte le otto stazioni, consentire in ogni stazione la salita a bordo sui treni da un unico punto della banchina, indipendentemente dalla tipologia del veicolo in servizio, effettuare la manutenzione ai percorsi esistenti in modo tale da conservarne maggiormente la durata, migliorare ed aumentare le mappe tattili esistenti, le targhette sulle scale e sui corrimano per l’identificazione dei binari e delle direzioni.

“Da sempre vicino al tema della disabilità – dichiara Stefano Balleari vicesindaco e assessore alla Mobilità – ho fatto recentemente un sopralluogo in metropolitana con la Consulta insieme a una persona con disabilità motoria e una persona con disabilità visiva per valutare le possibili iniziative. Questo progetto è una prima risposta”.

Il percorso tattile è composto da moduli diversi a seconda dei codici necessari alle differenti segnalazioni da fornire: oltre al percorso rettilineo sono previste indicazioni di svolta ad “L”, indicazione di incrocio, di servizio (avverte la persona della presenza di servizi come ascensori o mappa tattile), di pericolo valicabile e di arresto.

Sono previsti oltre 1300 metri di nuovi percorsi larghi 60 cm di gomma sintetica scannellata con passi differenti a seconda della segnalazione che devono indicare sul percorso.

L’intero progetto terminerà entro luglio 2018. Completato il primo intervento alla stazione di San Giorgio, AMT e Unione Italiana Ciechi effettueranno insieme il percorso per verificarne l’efficacia e la completezza.