La protesta

Mense scolastiche, Cgil chiede incontro al Sindaco, lunedi presidio a Tursi

Sciopero mense scolastiche

Genova. Presidio con volantinaggio davanti a Palazzo Tursi ‪lunedì 26 marzo 2018 per ridiscutere alcuni aspetti del nuovo capitolato d’appalto in tema di mense scolastiche. A proclamarli la Filcams Cgil che: “A seguito dell’assenza di una risposta da parte del Comune di Genova – spiegano in una nota – alla richiesta di incontro urgente che gli abbiamo inoltrato in data 20/03/2018, la Filcams Cgil effettuerà insieme alle delegate sindacali di settore”.

I sindacati, con una lettera aperta, sollecitano il Comune di Genova, nella persona del sindaco Bucci e dell’assessore Fassio, a una convocazione per dare ai lavoratori attraverso la rappresentanza sindacale la possibilità di esprimere le preoccupazioni in vista del cambio di appalto, e a considerare le proposte di modifica al bando di gara e al capitolato in materia di lavoro e occupazione,

“Chiediamo il ritiro con proroga della gara al fine di poter fattivamente accordare modifiche condivise – spiega il sindacato – anche perché pensiamo che vi sia ancora spazio per quell’incontro che i lavoratori si aspettano dal sindaco Bucci e dall’assessore Fassio, al momento disatteso”.

leggi anche
Bruco, il degrado del fratello minore
Passo avanti
Mense scolastiche: no al pesce cinese, più cibo “bio”. Il Comune risponde ai comitati dei genitori e modifica il bando
protesta mense tfr
Tema caldo
Mense scolastiche, pace fatta anche tra sindacati e Comune: testo del bando modificato

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.