Seconda categoria girone d

Mariscotti più vicino al titolo, Anpi e Rossiglionese restano in sciarisultati

Con il Pontecarrega la capolista vince in rimonta. Valligiani che devono recuperare una gara. Ciclone Masone sulla Don Bosco. Casellese che si avvia alla retrocessione con dignità

Ultime giornate in Seconda categoria, girone D, con il Mariscotti che si avvicina ulteriormente alla promozione diretta, in attesa che la Rossiglionese recuperi la propria partita che potrebbe far avvicinare i bianconeri a -5 (con lo scontro diretto da giocare), la squadra rossobiancoblù trova la vittoria numero 17, mantenendo quindi la vetta e dando un segnale forte alle rivali.

Gara non semplice quella giocata in trasferta con il Pontecarrega che cercava punti per tentare di risalire la china. La gara la sblocca al 19° Mattiucci che su punizione pennella una traettoria che termina all’incrocio dei pali. Al 34° pareggio di Sarpero che arriva come un fulmine e manda le squadre negli spogliatoi sull’1-1. Lunga interruzione poi per una forte grandinata che costringe le compagini a rientrare dopo venti minuti in campo. Si torna in campo e Sarpero sfiora la doppietta al 75°. La legge del gol, però è impietosa e all’80° El Hilali interviene puntuale sul cross di Mattiucci. Il Mariscotti vince 1-2 e rinsalda la propria posizione.

Dietro non molla la Rossiglionese che fatica non poco per superare l’Olimpia, che passa in vantaggio al 70° con un imperioso colpo di testa di Zero. Il gol risveglia i padroni di casa che ribaltano il risultato in 5’. All’80° rigore che Pastorino trasforma e all’85° conclusione decisiva, ancora del fantasista bianconero che firma il definitivo 2-1.

Vince anche l’Anpi che espugna Casella, che vede ormai le porte della Terza categoria molto vicine.  L’approccio è sicuramente buono da parte dei padroni di casa che si portano in vantaggio al 29° con Carlucci. Dieci minuti dopo Hanuman firma l’1-1 con cui le squadre vanno al riposo. Nel secondo tempo la gara prosegue equilibrata, la Casellese dimostra di voler giocare fino alla fine, ma è anche sfortunata quando Badamassi devia nella propria porta una conclusione avversaria. La rete piega le gambe ai biancoblù che poco dopo subiscono il finale 1-3 con Vio.

Vola il Masone, che torna a giocare dopo un periodo di inattività forzata dal maltempo. I valligiani infatti devono recuperare ben due partite e potrebbero ritagliarsi una posizione molto interessante in classifica, per quanto sia assai difficile rientrare nella lotta per i playoff. I biancocelesti erano in visita alla Don Bosco, che a sua volta lotta invece per mantenere la categoria.

Gara a due facce con una prima fase che vede i granata iniziare bene, e al 15° Bellotti interviene su cross di Lutero e fa 1-0. I salesiani poi non la chiudono e il Masone trova la reazione andando a pareggiare con un colpo di testa di Federico Pastorino. Al 35° Rotunno si libera, calcia, ma il palo gli nega il gol. Si arriva quindi al 37°, momento decisivo della gara perché Medulla atterra un avversario in area. L’arbitro estrae il rosso e assegna il rigore che proprio Rotunno trasforma.

Da lì la gara cambia perché al rientro in campo per il secondo tempo, i salesiani faticano moltissimo e subiscono quasi subito il terzo gol ancora con Rotunno che al 51° fa tris e si porta a casa il pallone. Sull’1-4 il Masone controlla, ma c’è tempo ancora per il gol di Oliveri, entrato a gara in corsa.

Il Mura Angeli ferma la rincorsa playoff dell’Atletico Quarto che non riesce a trovare la vittoria ed anzi rischia grosso. Dopo un primo tempo senza particolari emozioni, il gol di Tassistro al 75° fa sperare i padroni di casa. All’88°, però è provvidenziale il tocco di Musicò per l’1-1 che sarà il punteggio finale.

Frena anche l’altra gialloblù, il Carignano che forse saluta così i sogni di playoff. Nonostante si trovi in quinta piazza infatti deve patire ben 14 punti dall’Anpi, attuale seconda. In ogni caso a Mele il Carignano si è dovuto confrontare con una squadra vogliosa di fare punti, tanto che impiega appena 10’ per passare in vantaggio con una punizione di Barni.

Vantaggio che dura poco perché al 14° Salucci trova il gol dell’1-1. Il botta e risposta si ripete a inizio ripresa quando Pedemonte al 55° infila Barbieri, ma tre minuti dopo Valenza, entrato da poco in campo, permette al Carignano di rientrare in gara. Finisce 2-2, con le squadre che si confronteranno molto in mezzo al campo anche a causa del terreno di gioco non in perfette condizioni.

Vittoria molto pesante del Campi a Bolzaneto. I neroverdi si impongono per 2-3 e agganciano proprio il Carignano a quota 33 punti. Partita molto intensa con squadre che non si risparmiano. Al 18° vantaggio su rigore di Di Pietro su calcio di rigore per il Campi. Due minuti bastano alla Bolzanetese per replicare con Luca Burgio. Al 41°, però Pigliacelli la mette all’incrocio e riporta avanti i suoi. Si va alla ripresa, la Bolzanetese attacca e trova il pareggio con l’altro Burgio, Andrea che a 10’ dalla fine illude i suoi. Dalla panchina infatti arriva la rete decisiva di Di Giorgio, portiere – attaccante che si dimostra di grande personalità e che all’89° fissa il 2-3 per gli ospiti.