Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Liguria poco accessibile, Berrino:”12 milioni per migliorare strutture ricettive”

Genova. Dodici milioni di euro per l’adeguamento delle strutture alberghiere, per renderle più accessibili a chi ha difficoltà motorie, a cui si aggiunge un ulteriore bando da un milione di euro per adeguare le strutture turistico-ricetttive all’aria aperta e altri 500mila euro per servizi turistici innovativi in grado di facilitare l’accessibilità dei luoghi. Sono le misure messe in campo dalla Giunta regionale per consentire l’adeguamento delle strutture turistiche e la più idonea accessibilità.

Lo comunica l’assessore regionale al turismo Gianni Berrino, rispondendo così all’indagine conoscitiva di Unioncamere Liguria che denuncia come solo il 45%, degli albergatori ritiene la propria struttura accessibile per accogliere turisti con particolari esigenze e un 30% la considera totalmente inadeguata.

L’indagine, che è stata condotta su 70 alberghi e 347 strutture extralberghiere, per un totale di 4.400 questionari inviati, indica un trend molto chiaro che, addirittura, si complica parlando delle strutture extralberghiere.

“Come Giunta regionale abbiamo investito molto per consentire di adeguare le strutture turistiche, non solo alberghiere – spiega Berrino – Lo dimostra il bando da 12 milioni di euro ancora aperto, che sta avendo una buona risposta sul territorio. Al momento infatti abbiamo avuto richieste per 9,5 milioni di euro, ma c’è ancora tempo e i titolari di strutture turistiche possono farsi avanti”.

La Regione ha aperto un altro bando da 1 milione di euro, ancora in corso, per consentire l’adeguamento delle strutture all’aria aperta, come i campeggi e, dal Fondo strategico regionale sono stati stanziati 500mila euro per la realizzazione di servizi turistici innovativi, tra cui servizi per facilitare l’accessibilità dei luoghi.

“Non  ultimo – spiega il comunicato della Regione – in settimana è stato rinnovato il repertorio delle professioni turistiche, inserendo l’accompagnatore turistico proprio per i turisti che hanno difficoltà motorie e vogliono conoscere il nostro territorio e a breve partiranno anche i corsi di formazione”.