L’arenzanese Gabriele Rolando gioca titolare nel Palermo che batte il Frosinone (1-0) - Genova 24
Giovani n prestito

L’arenzanese Gabriele Rolando gioca titolare nel Palermo che batte il Frosinone (1-0)

Ottima prestazione di Maxime Leverbe, in Cuneo-Olbia

Gabriele Rolando

Genova. Ogniqualvolta che apro il computer, per scrivere un pezzo sui ragazzi della Sampdoria, mandati in prestito in altre squadre per farsi le ossa, non riesco a non pensare a quanto sarebbe utile, ai giovani calciatori, un “campionato riserve”.

E’ inutile girarci attorno…

Che interesse ha una società sportiva, la cui vita è basata sulle plusvalenze, a dare spazio – in prima squadra – a giocatori, il cui cartellino appartiene ad altri?

Va beh… speriamo che si decidano, prima o poi…

Intanto, dobbiamo prendere atto, che Lorenco Šimić e Federico Bonazzoli si sono visti tutta la sfida, al Mapei Stadium di Reggio Emilia, fra Sassuolo e Spal, seduti in panchina.

Scendendo dalla Serie A alla B, spiace osservare, che David Ivan è stato mandato in prestito alla Pro Vercelli, dove – parole ‘fresche fresche’ del tecnico Gianluca Grassadonia – nel suo ruolo giostrano già Paghera e Vives e quindi ci sono tre giocatori per una sola maglia, mentre va meglio – per fortuna – a Gabriele Rolando, che, al Renzo Barbera, parte nell’undici titolare rosanero, in Palermo-Frosinone, il big match della giornata, deciso da una graffiante conclusione di Gnahoré, che ha permesso ai siciliani, di insediarsi al terzo posto in classifica, con una partita da recuperare. Il giovane arenzanese è rimasto in campo per 75 minuti, venendo poi sostituito dal polacco Przemysław Szymiński.

In Serie C, nel girone A, Maxime Leverbe ha rappresentato una delle due invalicabili torri (con Luca Lotti), erte a difesa dell’Olbia, sulle quali si è infranto l’attacco del Cuneo. Il francese ha disputato una splendida gara, mettendo in mostra solidità e concretezza, oltre alla giusta cattiveria, necessaria agli isolani per raggiungere la salvezza a fine torneo.

Mentre Denis Baumgärtner non compare nemmeno nel tabellino di Giana Erminio – Livorno, Wladimiro Falcone ha partecipato da primattore allo 0-0, che il Gavorrano ha imposto alla Lucchese, in un match peraltro, in cui le emozioni più forti, sono state rappresentate dagli infortuni dei guardialinee.

Detto che la partita dell’Arezzo ((in cui giocano, come noto Atila Varga, Alessio Di Nardo e Roberto Criscuolo) è stata di nuovo rinviata, passiamo al 3-0 rifilato dalla Pistoiese al Pontedera, con Giacomo Vrioni, che pur non partecipando al tris di marcature, ha giocato per un’ora, sostituito poi da Romeo Papini, al 61°. L’ex primavera doriano ci ha messo del suo nell’azione ‘sblocca risultato’, scambiando palla con Picchi, il cui cross rasoterra ha trovato sul secondo palo Minardi, pronto a mettere in rete.

Nel girone B, panchina per Rocca nella vittoria del FeralpiSalò a Gubbio, mentre Andrés Fabián Ponce è entrato al 76° al posto di Guerra, contribuendo al ritorno dei “leoni del Garda” al terzo posto in graduatoria.

Nel girone C, Antonio Palumbo è stato, naturalmente, l’inamovibile regista del Trapani, che ha messo sotto un Catanzaro, lontano parente di quello in cui giocava il goleador baffuto, Massimo Palanca.

Il centrocampista, in prestito dalla Samp, ha cercato anche la via della rete, ma il suo calcio di punizione è stato deviato in corner dalla barriera, al 32° del secondo tempo.

Settantasette minuti (quelli iniziali) per Cristian Hadžiosmanović, nel quasi deserto Granillo di Reggio Calabria, dove il Monopoli ha aperto ufficialmente la crisi della Reggina, vincendo in rimonta, dopo un illusorio vantaggio granata… ed anche l’italo/montenegrino non ha passato un bel pomeriggio, come tutti i compagni della squadra dello Stretto.