Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Guardia Costiera-armatori, uniti verso lo “Zero accident”

All'incontro hanno aderito circa 40 compagnie di navigazione, operanti in tutti i settori del trasporto marittimo

Genova. Il comandante della Guardia Costiera della Liguria, ammiraglio ispettore (CP) Nicola Carlone, ha oggi incontrato i responsabili della gestione delle compagnie armatoriali italiane (Dpa – Designed Person Ashore) che operano sotto il controllo delle Capitanerie di porto liguri e quelli delle compagnie che, pur avendo sede societaria in altre regioni, hanno in assetto unità mercantili che scalano regolarmente lo specchio di mare, pari a circa 12.850 Km2, nel quale la Direzione marittima è competente per il coordinamento di tutte le attività di ricerca e soccorso in mare. Hanno aderito all’incontro circa 40 compagnie di navigazione, operanti in tutti i settori del trasporto marittimo: naviglio passeggeri, mezzi rotabili, carico generale, container, traffico petrolifero e rimorchio.

È stato un momento di confronto nel corso del quale è stato dato ampio spazio all’importanza di riportare con priorità e immediatezza ogni notizia di incidente o mancato incidente all’Autorità marittima. L’occasione ha costituito, inoltre, momento di confronto sui temi dell’ottimizzazione delle procedure connesse alle ispezioni/verifiche al naviglio di bandiera, le nuove esigenze di cyber security in campo marittimo, le procedure d’investigazione tecnica sugli incidenti marittimi, le certificazioni di competenza degli Ufficiali di bordo con incarichi rivolti prioritariamente al funzionamento e alla sicura gestione della nave.

Lo scambio di idee con i rappresentanti dell’armamento è stato molto costruttivo, a della dei rappresentanti della Guardia costiera, specie sulle tematiche di maggiore importanza.

In particolare, denominatore comune condiviso dai presenti è stato l’impegno al raggiungimento del cosiddetto “zero accident”. L’esperienza di confronto si è, così, rivelata assolutamente positiva e può, quindi, considerarsi la prima di una serie d’incontri con il mondo marittimo ligure (e non solo) teso a condividere ed approfondire le tematiche sottese al comune obiettivo dell’elevazione degli standard di sicurezza in mare.