Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Gronda, ecco il primo bando per la cassa di colmata che allargherà la pista del Colombo

L'opera è propedeutica alla bretella autostradale: la colmata raccoglierà il materiale di scavo dei tunnel

Genova. Dopo l’approvazione del progetto definitivo da parte del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, avvenuta a settembre 2017, potrebbe iniziare a breve la parte esecutiva per le opere propedeutiche ai lavori della Gronda.

Autostrade per l’Italia, la società incaricata di coordinare il progetto, ha pubblicato infatti il primo bando di gara per alcuni lavori propedeutici all’intervento principale: la costruzione di una cassa di colmata che dovrà essere costruita nel porto di Genova, precisamente nel canale di calma tra la pista dell’aeroporto Cristoforo Colombo e la diga foranea, e che servirà a raccogliere i materiali di risulta dello scavo delle gallerie della Gronda.

Il valore di questo primo intervento, necessario per poi partire con la costruzione dell’infrastruttura vera e propria (costo totale quasi 5 miliardi), è stimato in 136,5 milioni mentre la durata prevista dei lavori è di poco meno di 4 anni e mezzo (per la precisione 1.611 giorni dalla data di aggiudicazione dell’appalto).

Secondo le previsioni, la nuova porzione di “terraferma” ricavata dal riempimento permetterà di allargare la pista del Cristoforo Colombo, che ad oggi opera in deroga rispetto alle normativa in materia per quanto riguarda gli spazi a terra.

Le manifestazioni d’interesse, in base a quanto precisato nel bando, dovranno pervenire ad Autostrade per l’Italia entro il 17 aprile prossimo. Dopo di che la società selezionerà – sulla base di una serie di criteri oggettivi esplicitati nel documento – gli operatori giudicati idonei, da un minimo di 5 ad un massimo di 10, a cui verrà richiesto di presentare un’offerta per l’opera messa a gara.