Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il Genova Quinto soffre, ma batte anche Lavagna e fa tredici risultati fotogallery

I biancorossi si impongono in trasferta con il minimo scarto. Per i bianconeri una prova contraddistinta da un'ottima reazione che li ha riportati in partita

Lavagna. Con una buona dose di sofferenza, soprattutto nell’ultimo quarto, il Genova Quinto B&B Assicurazioni riesce ad ottenere i 3punti nella trasferta in casa del Lavagna ’90, nella seconda giornata di ritorno del campionato di Serie A2 girone Nord.

I biancorossi sono partiti con il piglio giusto, chiudendo la prima frazione sul 3-0. Poi, dopo un doppio pareggio maturato nella parte centrale della gara, c’è stato il tentativo di rimonta della formazione biancoblù, rimasto incompiuto. Bittarello e compagni possono così festeggiare la tredicesima vittoria in altrettante partite di campionato, consolidando il primato in classifica con otto punti di vantaggio sulla diretta inseguitrice, la President Bologna, che sarà di scena proprio ad Albaro sabato prossimo.

Una partita dai due volti – commenta l’allenatore Lorenzo Marino, che ha sostituito lo squalificato Gabriele Luccianti -. Ad una manciata di secondi dalla fine del secondo tempo eravamo 7-2 e tutto stava andando come doveva andare, una gara giocata bene, con attenzione, ottime ripartenze e senza forzare. A loro mancavano anche Parisi e il portiere titolare. Poi all’improvviso hanno iniziato a giocare in maniera più aggressiva, noi ci siamo innervositi e abbiamo iniziato a forzare anziché gestire la palla. Siamo stati in grado di riprendere di nuovo in mano le redini dell’incontro portandoci sul 12-8 e poi siamo ancora caduti negli stessi errori, subendo l’ultimo gol, tuttavia, a un secondo dalla fine. Volendo guardare il bicchiere mezzo pieno sono contento che questi problemi nel gestire le difficoltà siano venuti fuori adesso per poterci lavorare: un’ulteriore testimonianza di come, se non gestisci bene le partite, tutte le squadre possono metterti in difficoltà“.

Dalla prossima settimana tornerà in panchina Gabriele, ed è senz’altro un bene. A nome mio e di tutta la società – conclude Marino – non posso che fare i complimenti per come hanno gestito questa prolungata assenza del loro allenatore a bordo vasca: non era affatto scontato continuare a vincere tutte le partite come se nulla fosse o quasi. Bravi”.

Per quanto riguarda i padroni di casa del Lavagna ’90, l’aspetto positivo è l’ottima reazione: dopo un avvio in sordina, hanno giocato alla pari della capolista. Molto bene tutti i giovani; Luca Pedroni migliore in vasca.

Con la sconfitta di misura rimediata contro la capolista arriva anche il primo stop del 2018 per il Lavagna ’90 La formazione condotta da Andrea Martini, rimaneggiata per le assenze di Gianoglio e Parisi, si arrende con il minimo scarto alla B&B Genova Quinto, compagine ancora a punteggio pieno. Il direttore sportivo Emanuele Governari commenta: “Se l’assenza di Gianoglio è stata sostituita egregiamente dal nostro numero uno degli Under 20 Antonio Gabutti, maggior peso invece ha avuto quella di Daniele soprattutto nei primi due parziali dove non siamo riusciti a concretizzare le molte occasioni create. Ciò ha permesso ai genovesi di prendere il largo. Ottima comunque la reazione messa in atto da parte di tutti e che ha fatto ha permesso di arrivare vicini ai biancorossi e di metterli in difficoltà. Ad oggi siamo l’unica squadra che, cambiando mentalità in corso, ha giocato alla pari ed addirittura meglio nelle fasi finali. Questo deve essere spunto per il proseguo del girone di ritorno e per rimanere nelle parti alte della classifica, a cominciare dal derby dell’Entella in programma nel prossimo turno”.