In piazza

Commenda di Pré, sabato presidio della comunità senegalese dopo l’omicidio di Firenze

Dopo gli episodi che hanno visto connazionali vittime di violenza: "Servono solidarietà, amore e pace. Genovesi, scendete in piazza con noi"

Genova. Firenze nel 2011, Caserta nel 2017 e poi quest’anno Macerata e due giorni fa Firenze. Dopo tanti episodi di violenza la comunità senegale ha deciso di scendere in piazza anche a Genova con un presidio che si svolgerà sabato pomeriggio a partire dalle 16.15 davanti alla Commenda di Pré.

“Dove finiremo? Noi non vogliamo che questa lista continui – commenta in una nota il presidente dell’unione immigrati senegalesi Mamadou Bousso – non vogliamo diventare bersaglio di nessuno e per nessuno motivo. Non vogliamo che uccidere lo straniero diventi una cosa normale,un fatto quotidiano da mettere tra le notizie di secondo ordine”.

“Mentre piangiamo e ci arrabbiamo per la morte di un uomo innocente – prosegue Bousso — troviamo che la parola chiave di questa triste storia sia: disperazione. Disperazione (a suo dire )di un uomo che voleva dar fine alla sua vita, disperazione di un uomo che come soluzione trova quella di togliere la vita ad un altro uomo innocente, disperazione di una famiglia che si ritrova senza un padre, un marito,un uomo,un lavoratore, un amico.
disperazione di una comunità che non accetta più soprusi, atti di violenza e razzismo nei propri confronti!.

“Abbiamo bisogno di ritrovare, condividere e praticare quei valori umani che ci contraddistinguono – prosegue il presidente dell’associazione dei senegalesi che invita i genovesi a scendere in piazza con loro – amicizia, solidarietà, amore e pace. Valori alla base di una normale Convivenza”.